7 dicembre 2016

Seconda fila per Andrea Iannone, sesto in qualifica a Sepang. Settimo crono per Dovizioso

Al termine della sessione di qualifica del GP della Malesia, i due piloti del Ducati Team Andrea Iannone e Andrea Dovizioso si sono classificati rispettivamente al sesto e al settimo posto e quindi domani partiranno dalla seconda e dalla terza fila sul circuito di Sepang.

Le FP3 del mattino si erano concluse con Dovizioso ottavo e Iannone, fermato durante la sessione da un inconveniente tecnico alla sua GP15, undicesimo ma la classifica combinata dei tre turni di prove libere vedeva comunque entrambi i piloti Ducati nella top ten e quindi qualificati di diritto per le Q2.

Dopo la mezz’ora di FP4 del primo pomeriggio, che ha visto Iannone terzo e Dovizioso sesto girare con un buon passo, i due piloti italiani sono poi scesi in pista per la sessione di qualifica decisiva per le prime quattro file della griglia per il GP di domani. Iannone, che anche in Malesia come a Phillip Island ha voluto effettuare tre uscite, e Dovizioso (due uscite) hanno sempre utilizzato un pneumatico posteriore soft ed hanno ottenuto il loro miglior tempo alla prima uscita.

Andrea Iannone (Ducati Team #29) – 2’00”224 (6°)

“Credo che oggi fosse difficile per me poter fare qualcosa di più. Ho provato a dare il massimo, ma faccio abbastanza fatica in percorrenza di curva e quindi non sono riuscito ad andare più forte. Ovviamente non siamo contenti, ma ora dobbiamo restare concentrati e continuare a lavorare per capire la direzione da prendere per minimizzare i nostri problemi o almeno riuscire a tamponarli. Non mi aspetto grandissimi cambiamenti per la gara di domani, però tutto sommato non sono messo poi così male. In FP4, come passo gara, dopo Dani e Marc ci siamo Jorge ed io e poi Vale, ma dovremo capire se e quanto cambierà la situazione con la gomma da gara.”

Andrea Dovizioso (Ducati Team #04) – 2’00”423 (7°)

“Nel turno FP4 non siamo andati male come passo, anche se non abbiamo quello dei primi quattro: non siamo però lontanissimi. Invece in qualifica non siamo riusciti a fare quello che avremmo potuto, perché secondo me si poteva scendere sotto il 2’00”. Purtroppo diventa tutto più complicato quando sulla moto non riesci a fare quello che vuoi, e quindi si fa fatica a tirare fuori il 100%.”

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5976 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.