5 dicembre 2016

Fiumicino – Comitato Rifiuti Zero: “Evasione TARI, sembra proprio che al nostro Comune piaccia”

E si, sembra proprio che al nostro Comune piaccia non disturbare gli evasori. Gli otto rilevatori della Fiumicino Tributi assunti pochi giorni fa proprio, stando al comunicato del Sindaco, per dare la caccia agli evasori, sono invece stati spediti sul territorio a controllare elenchi di nominativi di cittadini già iscritti al ruolo TARI. Perché? Forse il Comune spera di sanare la situazione facendo le pulci a chi già paga lasciando in pace gli evasori? Onestamente non riusciamo a capire la sottile e misteriosa strategia comunale!

Ma non sarebbe più semplice ed efficace incrociare i dati dell’anagrafe della popolazione residente con quelli degli iscritti al ruolo TARI ed estrapolare quindi chi non è presente in entrambi? Siamo certi che già con questo primo banale controllo verrebbero recuperate numerose posizioni, altre potrebbero essere recuperate procedendo ad incroci successivi con il catasto, con i gestori dei servizi pubblici, con le stesse banche dati degli uffici tecnici comunali. Una importante indicazione potrebbe essere fornita dagli stessi operatori dell’ATI che tutti i giorni nel ritirare i rifiuti davanti alle abitazioni vedono chi espone i mastelli e chi no.

La piaga dell’evasione andrebbe colpita con velocità e decisione non solo perché chi non paga nei fatti scarica sui cittadini onesti il proprio carico di tasse, ma anche perché chi non paga  non ha i mastelli ed i propri rifiuti li abbandona per strada o li porta a spasso fino   al primo cassonetto utile, contribuendo al degrado e all’inquinamento di questo territorio. Con il passaggio dalla raccolta dei rifiuti stradale al porta a porta il Comune avrebbe dovuto anche rivedere le modalità ed i tempi per l’iscrizione TARI, legandola temporalmente alla registrazione di residenza ed invece il nuovo Regolamento Comunale TARI prescrive che il cittadino neo residente o neo proprietario di un immobile sito nel comune possa regolarizzare la propria iscrizione TARI entro il 30 giugno dell’anno successivo.

Anche in questo caso una sola domanda: Perché? Cosa succederà ad Isola Sacra quando a dicembre verrà avviata la raccolta porta a porta se prima non verrà verificata la possibile evasione? Nel centro nord del comune di campi pronti a ricevere e a mascherare la mole dei rifiuti abbandonati dagli incivile e dagli evasori ce ne sono tanti, ad Isola Sacra  dove verranno ammucchiati? Su trentottomila residenti quanti evasori ci sono e quanti rifiuti rischiano di finire per strada? La situazione è grave sia a livello locale che regionale: la vicinanza con Roma che da anni  usa l’impianto AMA di  Maccarese come centro di trasferenza per oltre 100.000 t/a di rifiuti, la possibile riaccensione dell’inceneritore di Malagrotta, la presenza ai confini nord del comune della discarica di Cupinoro, vera e propria bomba ecologica che sta inquinando suolo e falde acquifere, l’assenza del un nuovo piano rifiuti preannunciato da Zingaretti all’indomani della sua elezione ci sembrano motivi più che sufficienti per evitare di commettere e ripetere altri errori.

Comitato Rifiuti Zero Fiumicino

About Emanuele Bompadre 8223 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.