3 dicembre 2016

Collegato ambientale, caccia: emendamento apre ulteriori deroghe

Legambiente: “Una pezza peggio del buco. Chiediamo al relatore sen Vaccari e al Ministero dell’Ambiente il ritiro dell’emendamento n. 6.550”

“Il senatore Vaccari ha depositato ieri pomeriggio l’emendamento n.6.550 all’articolo 6 dell’A.S. 1676, noto come Collegato Ambientale alla legge di stabilità 2014, che in deroga alla norma vigente per la tutela della fauna apre ad abbattimenti non selettivi tutto l’anno al cinghiale, sia dove ci sono stati danni all’agricoltura che dove ciò non è avvenuto, sia dove gli enti hanno ben operato sia dove ciò non è avvenuto. Un commissariamento indistinto della legge nazionale e delle istituzioni che diventerebbe legge se tale emendamento non venisse ritirato. Una pezza di gran lunga peggio del buco che dovrebbe risolvere.” Questa la dichiarazione di Antonino Morabito, responsabile Fauna e benessere animale di Legambiente, sull’emendamento citato.

“La caccia finora è stata parte del problema e non della soluzione ai danni causati dalla fauna selvatica – ha continuato Morabito – e non è con la deregolamentazione indistinta che potremo risolvere il problema. Anzi, ciò potrebbe causare ulteriori danni all’agricoltura e aumentare i conflitti tra agricoltori e cacciatori per stabilire chi potrà speculare con la vendita di ungulati, vivi o morti. Una pessima proposta che certificherebbe l’incapacità dell’Italia, tramite le sue Istituzioni territoriali, di gestire il patrimonio indisponibile dello Stato aumentando i rischi nelle campagne, a danno di tutti i cittadini”.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5925 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.