10 dicembre 2016

Ostia – ANFFAS e FIN insieme per il nuoto

 

Il Polo Natatorio di Ostia, grazie alla partnership tra Anffas Ostia Onlus (Associazione nazionale famiglie di persone con disabilità intellettiva e/o relazionale) e la Federazione Italiana Nuoto, è la prima struttura pubblica del X Municipio accessibile a tutti.

Le famiglie di Anffas Ostia, alla presenza degli Olimpionici della nazionale italiana di nuoto, hanno donato al Polo Natatorio e alla Fin, un sollevatore mobile motorizzato.

“Questo – spiega il presidente della Onlus, Ilde Plateroti – permetterà anche alle persone con difficoltà motorie, anziani e disabili, di poter entrare in vasca in maniera semplice eliminando qualsiasi barriera e dando modo a tutti di avvicinarsi e praticare questo splendido sport. Il sollevatore mobile sarà a disposizione di tutte le persone con difficoltà motorie e anziani, e non solo dei nostri ragazzi che già da anni praticano con successo questo sport. Pur in un momento di difficoltà economica le nostre famiglie non hanno esitato ad autotassarsi per eliminare ogni barriera e permettere a tutti di nuotare”

“In quello che a tutti gli effetti è un dono non c’è molto da dire tecnicamente, se non che c’è tutta Anffas Ostia – dice il direttore generale della Onlus, Stefano Galloni -. È per questo che essere un dipendente di Anffas è un grande onore e un privilegio. Mi auguro che chi fruirà, ovviamente in modo gratuito, del sollevatore, come chi non ne ha bisogno, apprezzi il piccolo grande gesto di Anffas. Nessun ente pubblico o privato si è accorto che senza sollevatore si tagliava un pezzo di città. Ciò accade perché in molti casi non si sente la cosa pubblica come propria, soprattutto se non vi sono ritorni economici o di controllo. Ma ho la convinzione che il sollevatore aiuterà molti ad alzare gli occhi e a capire che le scelte importanti, come le opere pubbliche, non devono passare più sulla testa della gente. Soltanto così permetteremo alle buone Istituzioni di poter fare pulizia, da sole avranno molta più difficoltà. Ringraziamo la Fin e la commissione straordinaria del X Municipio che vuole dare segnale diverso”

“Il nostro impegno – ha dichiarato Paolo Borroni responsabile dei centri federali Fin – è dotare di tutti i centri federale di macchinari del genere. Ringraziamo l’Anffas Ostia che ha donato il sollevatore mobile che permetterà al Polo Natatorio di essere accessibile a tutti”.

“Ora – ha sottolineato poi Stefano Morini responsabile del centro federale di Ostia – invitiamo tutti a frequentare e venire a trovarci al Polo Natatorio”.

“Quello che balza gli occhi è che oggi c’è una grande unione di intenti tra due realtà importanti che si impegnano a fare in modo che tutti possano praticare il nuoto – ha concluso il direttore tecnico della nazionale di nuoto Cesare Butini -. Associazioni del genere sono un dono. Questo gemellaggio è solo all’inizio”.

Il sollevatore ideato dalla DiGi Project permette di far scendere le persone con disabilità direttamente in acqua in modo semplice e sicuro. “Funziona – ha detto il responsabile commerciale dell’azienda Sergio Campi – facendo accomodare la persona sul sedile, ci si avvicina al bordo vasca, si frena con l’apposita leva, si fa scendere il sedile premendo il pulsante discesa. Per risalire si preme il tasto salita e l’operazione termina quando il braccio è tornato in posizione di riposo.

Padrini e madrine dell’iniziativa saranno le stelle della nazionale italiana di nuoto. Parteciperanno l’olimpico e argento europeo Gabriele Detti, la campionessa europea con la staffetta 4×200 stile libero a Berlino 2014 Stefania Pirozzi, la medaglia di bronzo nei 150 stile libero ai campionati europei del 2014 Martina Caramignoli, l’olimpica Diletta Carli, accompagnati dal Responsabile tecnico del Centro Federale di Ostia Stefano Morini, che allena il gruppo di cui fa parte il campione del mondo ed europeo dei 1500 stile libero Gregorio Paltrinieri.

About Emanuele Bompadre 8291 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.