La MotoGP™ nell’ultimo round asiatico

Le stelle della classe regina hanno inaugurato lo Shell Malaysia Motorcycle Grand Prix 2015.




La tradizionale conferenza stampa del giovedì ha inaugurato ufficialmente il diciassettesimo appuntamento del Campionato del Mondo MotoGP™ 2015, di scena questo fine settimana sul Sepang International Circuit.

Il primo a rispondere alle domande dei media è il leader del mondiale Valentino Rossi. Il Dottore, quarto a Phillip Island e per la seconda volta giù dal podio in questa stagione, si presenta con 11 lunghezze di vantaggio in classifica sul suo rivale e può giocarsi il primo match-point:

“È stata una stagione molto lunga, combattuta punto su punto con Jorge. C’è stata molta pressione in ogni momento, adesso siamo qui alla penultima gara a 11 punti di distanza. È veramente difficile, ma emozionante allo stesso tempo, da vivere sino alla fine. Il nostro livello è simile e la differenza in punti è minima. Mi sembra di affrontare una partita di calcio: questo sarà il primo tempo, a Valencia ci sarà il secondo.

Mi piace questo tracciato, così come a tanti altri piloti, anche se negli ultimi anni il grip è calato e molto dipenderà inoltre dalle condizioni meteo. È una pista difficile non solo per la moto e il consumo delle gomme , ma anche per il fisico. È il primo match-point, forse Jorge sentirà un po’ di pressione in più. Dobbiamo lavorare sin dalle prime libere per esser pronti per la gara”.

Jorge Lorenzo (Movistar Yamaha MotoGP) arriva in Malesia con il morale alto per aver recuperato dei punti pesanti al proprio compagno di squadra, ma anche determinato a vincere, anche per sfatare il suo tabù che non l’ha mai visto salire sul gradino più alto del podio della classe regina:

“Non sono particolarmente sotto pressione, perché a dire il vero con l’errore commesso a Misano ho compromesso il mio Campionato. In queste ultime gare abbiamo recuperato dei punti, ma in Australia non sono riuscito a vincere. Sono sempre stato dietro Valentino in classifica tutto l’anno, ma adesso che abbiamo questa occasione farò del mio meglio per vincere, senza timore perché non ho nulla da perdere.

L’anno scorso non mi sono preparato a dovere, quest’anno invece si è vista la differenza e speriamo si veda anche qui a Sepang. La Yamaha è competitiva, ma la Honda con Dani e Marc sono sempre andate forte qui. Può succedere di tutto”.

Per nulla intenzionato a svolgere il ruolo di comprimario, anche se tagliato ormai fuori dalla lotta per il titolo, Marc Marquez (Repsol Honda) si presenta galvanizzato dalla sua 50ª vittoria in carriera ottenuta domenica scorsa e intenzionato a chiudere al meglio la stagione:

“Voglio finire al meglio questa stagione, in Australia abbiamo vissuto un ottimo weekend. Onestamente mi aspettavo di esser più solido in gara, una corsa tirata in cui tutti hanno provato a vincere fino all’ultimo giro. Nei test invernali di febbraio siamo andati bene, ma da allora le nostre moto sono cambiate: per esempio abbiamo un telaio, uno scarico e un forcellone differenti. Vediamo cosa succede in pista, sarà interessante vedere come Valentino e Jorge riescono a gstire la situazione e cosa riescono a fare”.

Sempre più a contatto con i “Top Riders” non solo in classifica, Andrea Iannone (Ducati Team) proverà a inserirsi nuovamente nella lotta per il podio su un pista in cui le la Desmosedici GP15 si è ben comportata nei test pre-season dello scorso febbraio:

“Penso che in Australia ci sia stata una delle più belle gare di sempre, ma anche una delle più difficili con molti sorpassi. Ho dato tutto me stesso in ogni giro: sono contento delle mie prestazioni e di essermela giocata contro questi grandi piloti. Abbiamo un gran motore che può aiutarci nei due lunghi rettilinei che ci sono qui; il mio feeling con la moto è cresciuto, posso fare un bel weekend e spero di poter lottare nuovamente per il podio”.

Occhi puntati anche su Maverick Viñales (SUZUKI ECSTAR). Il rookie della classe regina è riuscito nuovamente a inserire la sua GSX-RR nella Top 10, eguagliando, con il sesto posto di Phillip Island, il suo miglior risultato stagionale:

“Onestamente è stata una gara incredibile: nei primi giri ho potuto stare con il gruppo di testa: è stato davvero bello per poter imparare da loro. Quindi ho cercato di tenere lo stesso ritmo di Dani e Crutchlow. Forse per la prima volta in stagione mi sono sentito veramente competitivo e la mia moto andava forte. Vogliamo continuare così, sappiamo di poterlo fare, e io ci riproverà ancora”.

Invitato speciale tra i “big” alla conferenza stampa anche Danny Kent (Leopard Racing). L’inglese, reduce da due “zero” consecutivi, ha qui l’occasione per chiudere il discorso iridato, ma dovrà guardarsi dal ritorno di Miguel Oliveira:

“Nonostante la botta, sto bene. Siamo stati molto fortunati perché abbiamo avuto due grandi incidenti, ad Aragon e a Phillip Island, di solito è molto facile farsi male in incidenti del genere. 40 punti a due gare dalla fine è un bel vantaggio, ma in Moto3 non si possono perdere punti in questo modo. Questo fine settimana abbiamo il terzo match-point per chiudere. Ho tenuto d’occhio Enea tutto l’anno, ma in queste ultime gare Oliveira si è dimostrato il più forte”.

Domani le tre classi del Campionato del Mondo MotoGP™ scenderanno in pista sul Sepang International Circuit a partire dalle 09:00 locali (le 03:00 in Italia) per i primi due turni di prove libere dello Shell Malaysia Motorcycle Grand Prix 2015.

Fonte: MotoGP.com

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 8920 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.