5 dicembre 2016

MotoGP – Il Ducati Team si appresta ad affrontare il caldo tropicale di Sepang

Reduce da due gare consecutive nelle ultime due settimane, il Ducati Team è arrivato in Malesia per l’ultimo appuntamento dell’impegnativa serie di tre appuntamenti extra-europei di fine stagione, che porterà le squadre della MotoGP a coprire cerca 35.000 km in aereo in meno di un mese.

Il diciassettesimo e penultimo appuntamento della stagione si svolgerà presso il Sepang International Circuit, un tracciato molto gradito alla maggior parte dei piloti, e che può vantare una serie di caratteristiche che lo rendono ideale per sfruttare al massimo le MotoGP: lunghi rettilinei, pista molto larga e tante possibilità di sorpassare. Tutti i team sono inoltre venuti in Malesia per due sessioni di test IRTA a febbraio, ma le condizioni erano molto diverse da come si prospettano per questo weekend, con umidità alta e una foschia dovuta anche agli incendi forestali nella vicina Indonesia.

A Sepang il Ducati Team ha vinto tre volte nel passato, grazie a Loris Capirossi e Casey Stoner. Nella classe MotoGP Andrea Dovizioso è salito sul podio in Malesia due volte, l’ultima nel 2010, nelle sue sei partecipazioni. Lo scorso anno ha terminato la gara all’ottavo posto dopo essersi qualificato in quinta posizione.

Andrea Iannone, reduce da una prestazione spettacolare a Phillip Island che lo ha premiato con il suo terzo podio dell’anno, parteciperà alla gara MotoGP malese soltanto per la seconda volta. Lo scorso anno infatti il pilota abruzzese è stato costretto a saltare la gara in seguito ad una contusione al braccio sinistro causata da una caduta nelle prove libere. Il suo miglior risultato qui è stato il terzo posto del 2010 in Moto2.

Quando mancano due gare alla fine del campionato, Iannone si trova al quarto posto nella classifica generale con 188 punti, mentre Dovizioso è in settima posizione con 153 punti.

Il programma del weekend di Sepang inizierà venerdì mattina con la prima sessione di prove libere alle 09.55 (03.55 CET) mentre la gara, sulla distanza di 20 giri, è prevista per domenica alle 15.00 (08.00 CET).

Andrea Iannone (Ducati Team #29) – 4° (188 punti)

“La GP15 ha debuttato molto positivamente su questa pista a febbraio e sarà interessante capire quanto siamo migliorati durante l’anno, e quindi sono contento di tornare a Sepang per la gara. Dopo la gara di Phillip Island siamo ancora più fiduciosi, e andiamo a Sepang convinti di poter fare bene anche se non sarà semplice, perché è una pista difficile, le temperature sono molto alte e sappiamo che anche gli altri piloti qui vanno forte. Però noi siamo in fase di miglioramento e anch’io adesso conosco molto meglio la mia GP15 e il suo comportamento, e quindi riesco ad essere più efficace in gara.”

Andrea Dovizioso (Ducati Team #04) – 7° (153 punti)

“Sicuramente a Sepang saremo molto più veloci che in Australia, perché il circuito malese è uno dei miei preferiti e i test di febbraio sono andati subito bene con la GP15 appena messa in pista, e quindi secondo me saremo competitivi. In Malesia ci sono sempre condizioni molto difficili di temperatura e di grip, e non sarà facile essere a posto per la gara, ma sono convinto che partiremo più vicini ai primi. Soprattutto sono contento che ci sia una gara subito dopo quella australiana, così deludente per me, perché sicuramente è meglio per il mio umore!”

Il Circuito di Sepang

Il Circuito Internazionale di Sepang, situato a circa 50 km a sud di Kuala Lumpur, è uno dei tracciati migliori e più spettacolari al mondo. È stato costruito nel cuore di una grande area che comprende hotel, campi da golf, negozi e altri impianti sportivi. Il complesso è stato realizzato in meno di quattordici mesi e i suoi impianti rispondono ai criteri di sicurezza più elevati. Con quattro curve lente seguite da rettilinei e una decina di curve abbastanza rapide, la configurazione favorisce i sorpassi e le elevate velocità. Di solito le gare su questo tracciato, che con cinque chilometri e mezzo è uno dei più lunghi dell’intero calendario MotoGP, si svolgono sotto un caldo intenso con alti livelli di umidità.

Giro più veloce in gara: Marquez (Honda), 1’59”791 (166.5 km/h) – 2014

Record del Circuito: Marquez (Honda), 2’01”150 (164.7 km/h) – 2014

Miglior Pole: Marquez (Honda), 1’59”791 (166.5 km/h) – 2014

Velocità massima: Dovizioso (Ducati), 329.6 km/h – 2014

Lunghezza pista: 5.5 km

Lunghezza gara: 20 giri (110.9 km)

Curve: 15 (5 a sinistra, 10 a destra)

Inizio gara: 15.00 (08.00 CET)

Così nel 2014

Podio: 1° Marquez (Honda), 2° Rossi (Yamaha), 3° Lorenzo (Yamaha)

Pole: Marquez (Honda), 1’59”791 (166.5 km/h)

Giro più veloce: Marquez (Honda), 2’01”150 (164.711 km/h)

Andrea Dovizioso

Moto: Ducati Desmosedici GP15

Numero di gara: 04

Età: 29 (nato il 23 marzo 1986 a Forlimpopoli, Italia)

Residenza: Forlì (Italia)

Gare: 238 (140 x MotoGP, 49 x 250cc, 49 x 125cc)

Primo GP: 2001 Gran Premio d’Italia (125cc)

Vittorie: 10 (1 x MotoGP, 4 x 250cc, 5 x 125cc)

Prima vittoria: 2004 Gran Premio di Sudafrica (125cc)

Pole: 16 (3 x MotoGP, 4 x 250cc, 9 x 125cc)

Prima Pole: 2003 Gran Premio di Francia (125cc)

Titoli Mondiali: 1 (1 x 125cc)

Andrea Iannone

Moto: Ducati Desmosedici GP15

Numero di gara: 29

Età: 26 (nato il 9 agosto 1989 a Vasto, Italia)

Residenza: Vasto (Italia)

Gare: 176 (49 x MotoGP, 51 x Moto2, 76 x 125cc)

Primo GP: 2005 Gran Premio di Spagna (125cc)

Vittorie: 12 (8 x Moto2, 4 x 125cc)

Prima vittoria: 2008 GP di Cina (125cc)

Pole: 9 (1 x MotoGP, 5 x Moto2, 3 x 125cc)

Prima Pole: 2008 GP di Malesia (125cc)

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5947 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.