4 dicembre 2016

Decreto Colosseo, Sel: “Se si affitta ai privati va tutto bene, se i lavoratori fanno assemblee si grida allo scandalo”

Il decreto Colosseo va ritirato, è un decreto manifesto. Un decreto intimidatorio, che con una procedura d’urgenza impropria e abusiva, attacca il diritto di sciopero e di assemblea. Già oggi l’apertura dei musei e dei luoghi di cultura sono equiparate ai “servizi pubblici essenziali”, misure contenute nell’Accordo sulle norme di garanzia dei servizi pubblici essenziali e sulle procedure di raffreddamento e conciliazione siglato l’8 marzo 2005. Misure vincolanti e condivise con le parti sociali. Un intervento inutile ed illegittimo, quindi. Il governo preferisce i lavoratori soli e senza azione collettiva.

Visto che l’accordo sottoscritto prevede espressamente il divieto di proclamare scioperi, nei settori della protezione ambientale e della vigilanza sui beni culturali per la custodia del patrimonio artistico, archeologico e monumentale, durante i periodi di maggiore afflusso di visitatori (agosto, Natale e Pasqua) a cosa serve il decreto Colosseo se non per dividere il Paese separandolo dai dipendenti pubblici contro i quali è in corso una campagna vergognosa. Poi la cosa veramente incredibile sono i due pesi e le due misure. In questi anni sono state decine i monumenti, le ville e i musei affittai ai privati per feste e ricevimenti: Unicredit affitta l’otto ottobre scorso “La villa della Regina” a Torino, il tre ottobre scorso per un evento la Reggia di Venaria chiude al pubblico 3 ore prima o ancora quando è stata chiusa la Biblioteca nazionale di Firenze per una sfilata di moda. O l’affitto dell’allora Sindaco Renzi di Ponte Vecchio alla Ferrari, solo per fare alcuni esempi. Il tutto ovviamente a scapito dei turisti ma su cui nessuno ha gridato alla scandalo. Poi se lo fanno i lavoratori si grida allo scandalo e al disservizio per i turisti. Il 21 novembre prossimo la Reggia di Venaria a Torino resterà chiusa per il lancio del Portale Italia Login alla presenza del premier Renzi e i turisti staranno fuori. Il governo faccia un decreto per lasciare #Renzi a casa almeno quel giorno.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5936 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.