8 dicembre 2016

Genzano – Da domenica 18 ottobre 2015 è una “Città europea del Vino”

Flavio Gabbarini

Da domenica 18 ottobre 2015 la città di Genzano di Roma può fregiarsi anche del titolo di “Città Europea del Vino”, essendo diventato socio a tutti gli effetti di Recevin, la Rete Europea delle Città del Vino”. L’Assemblea dei soci dell’Associazione nazionale Città del vino, riunitasi a Genzano proprio domenica scorsa, ha infatti preso atto del nuovo Statuto e recepito la possibilità per cui ogni socio può diventare automaticamente anche socio di Recevin senza nessun costo aggiuntivo.

Un atto importante – ha commentato il Sindaco di Genzano Flavio Gabbariniche ci permette di fare rete anche con altri Paesi europei. Lo scorso weekend, ad esempio, oltre ai soci delle Città del vino è intervenuto a Genzano anche il Sindaco della città portoghese Reguengos de Monsaraz, Città europea del vino 2015”.

Nel corso dell’Assemblea, inoltre, il primo cittadino di Genzano, in rappresentanza del centro Italia, è stato eletto come membro della Giunta esecutiva delle Città del vino, formata dal neo-presidente Floriano Zambon, dal suo vice Fabrizio Montepara e altri tre componenti.

“Organizzare la Convention d’Autunno 2015 a Genzano e mettere a disposizione dell’Associazione due sale situate nel mezzanino del palazzo Sforza Cesarini come sede legale e di rappresentanza è per la nostra città motivo di grande orgoglio e prestigio. Resto allibito nel sentir parlare di utilizzo padronale dei beni comuni. Città del vino è un’Associazione molto prestigiosa – ha proseguito il Sindaco Flavio Gabbariniche conta come soci circa 450 Comuni d’Italia e opera da trent’anni per valorizzare e tutelare la vitivinicoltura di qualità, i vitigni autoctoni e antichi, l’architettura e le pratiche di coltivazione tradizionale, il paesaggio e i prodotti tipici locali, evitando il ricorso agli OGM; opera per sensibilizzare e coinvolgere direttamente le persone alla cura, tutela e valorizzazione del territorio proprio come patrimonio comune e bene culturale e identitario; organizza manifestazioni e concorsi enologici di carattere nazionale e internazionale per favorire lo scambio di esperienze e la reciproca conoscenza tra produttori e visitatori delle Città del vino. La nostra città fu tra i fondatori e fautori, insieme ad altri 38 comuni, di questa Associazione e oggi, con lo spostamento della sede legale a Genzano, proseguiamo orgogliosi sul percorso iniziato nel 1987 dal Sindaco Gino Cesaroni.

Oltre 10mila ingressi al complesso monumentale di parco e palazzo Sforza Cesarini nel solo 2015, circa 140 occasioni pubbliche in due anni tra conferenze, workshop, mostre e laboratori didattici all’interno del palazzo, la sede comunale di via Guidobaldi messa a disposizione delle associazioni del territorio, quelle di via Tevere e via Veneto, la sede del centro anziani, i locali messi a disposizione dell’Avis e quelli per la Protezione civile comunale, la sede di via Val d’Aosta, alcuni locali all’interno delle farmacie comunali, l’ex-enoteca, l’Auditorium e le grotte dell’Infiorata utilizzati anch’essi da diverse associazioni, i locali che abbiamo concesso in comodato gratuito alla Asl per il Consultorio giovani in via Unione Sovietica e quelli che l’Amministrazione ha messo a disposizione in convenzione alle associazioni sportive dilettantistiche del territorio: questi sono i dati che contano e cozzano fortemente con le dichiarazioni di chi ambisce a governare questa città non avendo conoscenza alcuna delle realtà del territorio; questo è il nostro utilizzo padronale dei beni comuni e il nostro relegare tante realtà genzanesi nella casa delle associazioni”.

About Samantha Lombardi 4027 Articoli
Samantha Lombardi è un archeologa, laureata in Archeologia e Storia dell'Arte del Mondo Antico e dell'Oriente. Cura un sito che parla del patrimonio artistico (www.ilpatrimonioartistico.it), collabora con l'Ass. Cul. Il Consiglio Archeologico ed è addetta stampa dell'Ass. di Rievocazione Storica CVLTVS DEORVM. Dal maggio del 2014 collabora con Il tabloid.it