2 dicembre 2016

Villa Torlonia- Le novità di Technotown, ludoteca tecnologico scientifica

 

La nuova sala Cyberplant, progetto all’avanguardia all’insegna di botanica, nuove tecnologie e social network, una mascotte d’eccezione – Technomaranta la pianta parlante su Twitter – e sei nuovi percorsi per le scuole e il pubblico. Sono solo alcune delle novità di TECHNOTOWN, la ludoteca tecnologico scientifica di Villa Torlonia, che offre tante nuove avventure per i Technoscienziati e un catalogo dell’offerta didattica ampliato e rinnovato. 

TECHNOTOWN, centro unico e all’avanguardia nel panorama dei progetti di ‘edutainment’ italiani, sin dal 2006 è ospitato all’interno del Villino Medioevale, caratteristica architettura di inizio ‘900. Destinato a bambini e ragazzi dai 4 anni in su, è promosso dall’Assessorato alle Politiche Educative e Scolastiche, Formazione, Gioventù, Sviluppo Periferie con la collaborazione di Fondazione Roma e rientra nel progetto “Una città a misura di bambine e di bambini”dell’Assessorato alla Cultura e allo Sport. La gestione è di Zètema Progetto Cultura.  Percorrendo le 9 sale della struttura, i giovani ospiti imparano ad interagire con tecnologie sofisticate attraverso giochi ed esperienze ad alto contenuto educativo, tra proiezioni tridimensionali, giochi di gruppo, realtà virtuali ed interattive.

E il 3 novembre parte un nuovo viaggio tra natura e tecnologia.

La nuova sala CyberPlant è uno spazio dedicato interamente a natura e biodiversità, con un allestimento che racchiude tre parole chiave: eco-compatibilità, creatività, interattività.  Il Progetto è promosso in collaborazione con l’Accademia Nazionale delle Scienze, il Dipartimento Scienze della Vita dell’Università di Trieste, il Dipartimento di Biologia Ambientale della Sapienza Università di Roma e l’ANISN–sezione Lazio, nel contesto della Infrastruttura Europea LifeWatch.

Qui i giovani techno-scienziati vengono trasportati nel mondo della botanica attraverso l’utilizzo di nuove tecnologie – stampante 3d, sensori che analizzano lo stato di vita delle piante, termocamera per analizzare la vegetazione ad altre lunghezze d’onda, stop motion che segue l’evoluzione di una pianta – e sfruttando anche i propri strumenti tecnologici come smartphone e tablet per un viaggio tra flora, tecnologia e meteorologia. Presenti anche una sezione dedicata coltura idroponica, una alla meteorologia e la ricostruzione di un ecosistema in bottiglia.

All’interno di CyberPlant si può anche incontrare la pianta parlante Technomaranta. Attraverso un sensore di umidità, temperatura e luminosità è possibile avere un monitoraggio completo della pianta ma, grazie ad un collegamento in tempo reale su Twitter, è lei stessa a dire quando ha bisogno di acqua, luce o fertilizzante. Non solo. È disponibile anche una postazione multimediale, La Flora di Roma in digitale che offre un database di tutte le specie presenti nelle Ville e Parchi storici di Roma ed è un prezioso supporto per la realizzazione della Mappa della flora di Roma presente in sala.

Alle famiglie, ai singoli partecipanti e agli studenti Technotown dedica anche sei nuovi percorsi, dove natura e tecnologia si alternano nei diversi campi informatico-figurativi.

  • Robot, sensori e radiazioni: dai bracci meccanici ai robot programmabili Lego Mindstorm, fino ad interagire con tappeti sensibili per scoprire come conoscere, utilizzare e sfruttare al meglio diversi tipi di sensori
  • Il mondo in 3 dimensioni: dalla visione tridimensionale alla costruzione di oggetti in 3d un tuffo nel mondo delle nuove tecnologie per la creazione di strumenti di tutti i tipi
  • Effetti speciali: un percorso per scoprire come sono ideati e realizzati gli effetti speciali nel cinema, come è possibile scomparire e volare e molto altro ancora grazie al virtual set
  • Coding robotico: dalla programmazione di piccoli robot fino alla creazione di movimenti ed interazioni complesse attraverso i Lego Mindstorm, si imparerà a programmare in modo semplice ed intuitivo
  • Musica Robotica: una volta si usavano vari tipi di strumenti per eseguire musica, oggi attraverso i pc e la programmazione sono nati nuovi modi di comporre e suonare. Un mondo tutto da scoprire
  • Radio Technotown: per sperimentare il mondo della radiofonia attraverso la web radio di Techno

Queste sono solo alcune delle novità in programma. Il calendario sarà in continuo aggiornamento e in linea le ultime notizie di settore per toccare con mano e capire – attraverso il gioco – l’attualità scientifica.

Le nuove proposte affiancano i laboratori “storici”, con le tematiche più svariate: dalla realizzazione di un fumetto digitale allo studio delle pratiche del doppiaggio, dalla sperimentazione dell’arte dell’animazione alla scoperta del pianeta Terra, dal restauro delle opere d’arte attraverso il misterioso e attraente mondo della conservazione dei dipinti alle programmazioni robotiche nel laboratorio di creatività Lego.

Porte sempre aperte anche per lo spazio creatività, dove ogni famiglia ha a disposizione le attrezzature LEGO per cimentarsi con l’ideazione e realizzazione del proprio robot, scegliendo tra il “Mindstorm” e il “Wedo” a seconda della fascia d’età e delle curiosità personali.

Infine, è sempre possibile viaggiare tra le stelle grazie al Techno Space Tour, il percorso completo Technotown + spettacolo astronomico del Planetario.  Un appuntamento speciale per le famiglie che vogliono scoprire  le sale della ludoteca fino ad orbitare fra gli astri e i pianeti del Planetario Gonfiabile, struttura della Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali. Ai più piccoli sono dedicate una serie di avventure, dai miti delle costellazioni ai pianeti, dalla vita delle stelle ai corpi celesti, anche in compagnia dal famoso Dottor Stellarium, l’astronomo-cartoon beniamino dei bambini. 

Un programma ricco, nuovo, attuale nella sua versatilità, grazie al quale TECHNOTOWN si conferma un vero e proprio laboratorio di pedagogia pratica: investire nella formazione puntando sul binomio apprendimento/gioco all’interno di spazi a misura di bambino.

About Emanuele Bompadre 8218 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.