5 dicembre 2016

Calcio – Champions League, Pjanic: “Doveva finire diversamente, è un peccato”

Il centrocampista bosniaco Miralem Pjanic è amareggiato per il pareggio della Roma a Leverkusen, soprattutto perché il gioco proposto dai giallorossi a suo parere è stato nettamente superiore a quello degli avversari tedeschi. Il numero 15, autore del gol del momentaneo 2-3 con una splendida punizione, fa autocritica, ammettendo che nella serata della BayArena la Roma ha perso due preziosi punti nel girone di Champions League.

Miralem, come è possibile finire da 2-4 a 4-4 una gara giocata così?
“E’ davvero un peccato, perché questa partita doveva finire diversamente visto il gioco che abbiamo proposto. Abbiamo iniziato male il match con un rigore non felice che hanno avuto loro, ma dopo abbiamo reagito molto bene. Peccato veramente. Era vietato pareggiare questa gara per come si era messa. E’ stato un nostro errore, perché l’avevamo in mano ed eravamo padroni del campo. Hanno fatto il 3-4 con un po’ di fortuna e poi il 4-4…”.

Che c’è che non va in Champions?
“Reagiamo, invece di agire dall’inizio. E’ successo già due volte: a Borisov eravamo sotto 3-0 poi abbiamo reagito ma è finita 3-2, oggi dal 2-0 siamo arrivati al 2-4, anche se non è bastato. Non deve succedere, oggi abbiamo perso due punti, è un vero peccato”.

Meglio la Roma oggi che in Bielorussa: stasera hanno fatto la differenza gli episodi e non l’atteggiamento come a Borisov, concordi?
“Hai ragione, questa partita non ha nulla a che vedere con quella contro il BATE. Oggi abbiamo lottato, abbiamo giocato e siamo stati nettamente superiori all’avversario, ma non deve succedere che si passi da 2-4 a 4-4, è colpa nostra. In generale abbiamo davvero fatto una buona partita, siamo stati superiori, ma a 10 minuti dalla fine non dovevamo prendere due gol, dovevamo difendere il risultato e prendere 3 punti”.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5947 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.