10 dicembre 2016

Calcio – Champions League, Garcia: “Meritavamo di vincere”

Il rammarico c’è, ma il punto in trasferta e la rimonta iniziale costituiscono due aspetti positivi nella prestazione della sua Roma. Rudi Garcia analizza così il pareggio per 4-4 contro il Bayer Leverkusen, arrivato al termine di una partita rocambolesca e piena di emozioni, in cui la Roma è prima andata sotto di due gol, per poi portarsi in vantaggio 4-2 fino al minuto 85.

“Dopo lo svantaggio abbiamo continuato a giocare e soprattutto a segnare, ma ci siamo abbassati troppo lasciando loro l’iniziativa, teniamoci buono il punto in trasferta però e la reazione dopo lo svantaggio iniziale”.

Per il tecnico giallorosso il pareggio subito nel finale non è solo figlio di disattenzioni difensive o di reparto: “Quando prendi quattro gol non è solo colpa della difesa, ma di tutti. La voglia di portare a casa una vittoria importante ci ha fatti arretrare troppo”.

Ecco domande e risposte dell’intervista rilasciata da Rudi Garcia ai media al termine del match della BayArena.

La Roma è stata Dr Jekill e Mr Hide questa sera?
“Ci sono due cose veramente positive stasera: eravamo sotto 2-0 e non abbiamo mollato. Abbiamo continuato a giocare e soprattutto a segnare e alla fine meritavamo di vincere. Poi a dieci minuti dalla fine non dovevamo abbassarci troppo con la qualità tecnica che abbiamo, dovevamo far uscire meglio il pallone senza subire quei gol in poco tempo. La controrimonta da 2-4 a 4-4 ci lascia delusi, ma teniamoci buono un aspetto: un punto in trasferta è un risultato utile, soprattutto se sei sotto di due gol”.

C’è come una sorta di maledizione a livello di testa in Champions?
“Non penso, il peso della competizione sullo 0-2 non c’è stato visto che abbiamo continuato a giocare. Abbiamo fatto quattro gol in trasferta, ma per un atteggiamento di squadra sbagliato ne abbiamo subiti altrettanti: ci siamo abbassati troppo. Per chi l’ha vista allo stadio e in tv è stata una bellissima partita”.

La sensazione è che la Roma dia il meglio di sé quando si trova in difficoltà: è così?
“Il primo gol loro è un po’ particolare, un rigore subito può capitare. Il secondo non dobbiamo prenderlo, abbiamo perso palla nella nostra metà campo dove loro non aspettano altro con il loro pressing di poter avanzare centralmente. Ripeto: ci siamo abbassati troppo restando nella nostra area, lasciando la palla agli avversari”.

A questa Roma mancano l’equilibrio e l’organizzazione difensiva?
“Sapevamo da inizio stagione che senza Castan al 100% e con Rudiger non in forma avremmo perso l’efficacia difensiva, ma questa sera non è solo colpa del reparto arretrato: al loro quarto gol eravamo dieci calciatori dietro la palla, non siamo usciti né abbiamo fatto pressing. Voler portare a casa una vittoria importante ci ha fatto arretrare troppo. All’interno dello spogliatoio devono capire che se l’attacco fa quattro gol è merito di tutti e se ne subiamo altrettanti è colpa di tutti”.