10 dicembre 2016

Ex Assessore Morassut: “Per risolvere i problemi della capitale, deve essere trasformata da comune a regione”

Foto Cosima Scavolini/Lapresse 31-12-2009 Roma Politica Trasmissione Il fatto del giorno Nella foto Roberto MorassutPhoto Cosima Scavolini/Lapresse 31-12-2009 Rome Politics Tv program Il fatto del giorno In the photo Roberto Morassut

L’ex assessore all’urbanistica nella giunta Veltroni, Roberto Morassut, oggi deputato del Partito Democratico, è intervenuto alla trasmissione “La Storia Oscura”, condotta da Fabio Camillacci su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

“Per risollevare Roma sotto tutti i punti di vista –ha spiegato Morassut- è fondamentale avviare la trasformazione della Capitale da Comune a Regione; cioè il territorio di Roma dev’essere sottoposto all’autorità di una istituzione più forte, più semplice, più compatta, con maggiori risorse, degna di una grande Capitale; una Capitale che ormai è totalmente globalizzata, ha una grande periferia, un territorio enorme e quindi non può essere più governata con gli strumenti di un tradizionale Comune. Se non si affronta questo punto, senza questa radicale e fondamentale riforma, chiunque verrà chiamato a governare Roma avrà sempre problemi. Questo perchè Roma al tempo delle giunte di Rutelli prima e Veltroni poi è molto cresciuta, è cresciuta improvvisamente e in maniera esponenziale; quindi, avrebbe avuto bisogno in quel momento di un’evoluzione del sistema istituzionale che riconoscesse alla Capitale questa crescita e le desse strumenti per poterla consolidare. Cioè serviva all’epoca trasformare il vecchio comune in una struttura speciale di Capitale come accade in tutte le altre Nazioni europee. Berlino, Parigi, Londra ad esempio hanno un loro statuto speciale con fondi, risorse, autonomia. Ecco, questo passaggio che sarebbe stato fondamentale purtroppo non si fece: si parlò tanto di “Città Metropolitana” ma poi la riforma è arrivata tardi e male, soltanto nei mesi scorsi. Nel frattempo, però a Roma le cose sono cambiate radicalmente, è arrivata la crisi, si sono ridotte le risorse pubbliche disponibili, la politica è precipitata in un pozzo di degrado, corruzione, disgregazione”.

Fonte: Radio Cusano Campus