10 dicembre 2016

Nogarin, M5s: “A volte amministrare significa entrare in contrasto con i desideri del Movimento”

Filippo Nogarin, Sindaco di Livorno, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia, su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

“E’ stato scritto che io non avrei partecipato al raduno di Imola perché sarei in difficoltà con la giunta –ha affermato Nogarin-. Invece sono andato con mia moglie e mia figlia di 22 giorni. A questo proposito voglio raccontare un aneddoto. Casaleggio ha visto la mia bimba e mi ha chiesto ‘come si chiama?’. Io gli ho risposto: ‘Avrei voluto chiamarla Gianroberta ma suonava male e allora l’ho chiamata Camilla”, lui si è messo a ridere e ha detto: ‘Avrà successo’. Beppe Grillo l’ha subito battezzata in toscano ed è stato molto divertente”.

Grillo e Casaleggio simboli del M5S. “Grillo ha sempre detto che non avrebbe mai voluto avere un ruolo attivo –ha spiegato Nogarin-, ma che al contempo avrebbe voluto rimanere sempre all’interno del dibattito interno al Movimento. Da questo punto di vista non c’è mai stato alcun passo indietro o fuga in avanti. Le figure di Grillo e Casaleggio sono fondamentali, ci auguriamo che rimangano sempre affiancati a quello che è il percorso del Movimento”. 

Compromessi necessari per governare? “Dialogare è necessario e rientra nel ruolo istituzionale –ha affermato Nogarin- ma il compromesso no. Significherebbe rinnegare la coerenza del nostro percorso. Alcune volte accade che la tecnica amministrativa vada a cozzare con il desiderio di una volontà politica, però bisogna semplicemente spostare l’orizzonte temporale di quello che è l’obiettivo. In questo contesto magari provare a ragionare all’interno del Movimento. Però venire meno ai principi e ai motivi per i quali ci sono messi in marcia no. Noi siamo lì per cambiare le istituzioni, facendole tornare a misura di cittadino”.