7 dicembre 2016

Napoletani a Mosca

Partenza di stagione col botto per il teatro Troisi (via Leopardi 192, Napoli) che nel prossimo weekend dal 23 al 25 ottobre promette risate con “Napoletani a Mosca”, rilettura in salsa partenopea di Cechov con omaggio finale ad Eduardo De Filippo. In scena Gigi Savoia, Renato De Rienzo, Pippo Cangiano con Alessandra D’Ambrosio, Francesco Ruotolo, Alessandro Tumolillo. La regia è affidata a Marco Kretzmer.

SINOSSI. Il teatro è in crisi, gli spettatori sono pochi. Una “scalcagnata” compagnia teatrale, guidata da un capocomico millantatore di successi internazionali, per superare le difficoltà del momento, si impegna a rappresentare in un famoso teatro di Mosca una commedia di tradizione napoletana di sicuro successo.

Equivoci, minacce e ritorsioni lo costringono a cambiare la commedia da rappresentare e considerare il vasto repertorio del teatro russo: la scelta cade sul teatro di Anton Pavlovich Cechov. Finalmente il grande interprete può cimentarsi in teatro da par suo, “attore di prosa italiana”, e con la sua compagnia portando in scena un classico autore russo. È Cechov dell’“Orso” (una vedova, nonostante desideri rimanere per sempre lontana dal mondo, dopo la morte del marito, viene visitata da un creditore del defunto consorte e, in seguito ad una feroce lite tra i due, nasce un amore passionale e repentino) “aggiustati” per l’occasione: i protagonisti parlano in “dialetto”, si fraintendono di continuo, urlano. Il risultato alla fine non è soddisfacente, addirittura imbarazzante. Allora la compagnia decide di tornare ai vecchi cavalli di battaglia della tradizione comica napoletana omaggiando Eduardo De Filippo.

Orari: venerdì e sabato ore 21; domenica ore 18

Prezzi: venerdì € 18; sabato e domenica € 20

Botteghino: 081 62 99 08 (dal martedì al sabato ore 10/13.30 e 16/20) e info@teatrotroisinapoli.it

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5982 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.