6 dicembre 2016

Fiumicino – Un primo passo nell’incontro tra Diritto alla Casa Fiumicino e il sindaco Montino

Nella giornata di ieri il neo comitato Diritto alla Casa Fiumicino ha incontrato il sindaco di Esterino Montino per alcuni chiarimenti e per porgli alcune domande riguardante l’emergenza abitativa sull’intero territorio.

Emanuela Isopo portavoce del comitato ha voluto da subito chiarire che nella lista rilasciata dopo l’incontro tra regione e governo per l’alta tensione abitativa è presente anche il comune di Fiumicino, questo per sottolineare la reale emergenza abitativa .che grava attualmente sul comune.

Abbiamo raggiunto telefonicamente Emanuela che ci ha raccontato l’incontro con il primo cittadino:

All’incontro ho voluto porre delle domande all’attenzione del Sindaco, la prima riguardava la legge 124 del 2013 art.6 comma 5 che istituisce e regola il Fondo Nazionale per le Morosità Inconsapevoli, cioè tutte quelle persone che hanno spese abitative di mutuo o affitto e che o perdono il lavoro, o che comunque abbiano subito una variazione del reddito familiare, in cui il comune deve creare un elenco di tutte le famiglie che rientrano in questi requisit.

Di seguito la lista deve essere presentata in Prefettura che blocca con notifica tutti gli sfratti in corso, poi i servizi sociali che hanno a disposizione 8mila euro per famiglia per il nuovo contratto abitativo a canone agevolato, anticipo per caparra e affitti di una nuova locazione, oppure pagare l’insolvenza della famiglia aiutandola con le spese, tutto questo si chiama accompagnamento sociale. Quindi la prima domanda al sindaco è stata se esisteva questa lista e attualmente stiamo attendendo la risposta. La seconda domanda riguardava la legge 431 del 1998, la riforma per l’erogazione comunale. Consiste nella stipula di accordi con proprietari che hanno abitazioni sfitte da tempo ad un canone agevolato.

Dopodiché il comune subaffitta a sua volta alle famiglie, riuscendo così a sopperire alle mancanze di Ater provincia per gli alloggi popolari. Abbiamo portato l’esempio delle numerose abitazioni sfitte presenti a Parco Leonardo e di come il comune avrebbe potuto trovare un accordo, ma questa operazione non è’ rivolta unicamente ai grandi costruttori ma soprattutto ed anche ai piccoli proprietari. Per tutto questo è’ necessario istituire un ufficio case che si occupa di queste faccende Inoltre abbiamo fatto presente e denunciato la modalità con la quale in questo momento i servizi sociali procurano alloggi agli assistiti.  Un associazione che opera nel territorio a stretto contatto con il dipartimento sociale viene incaricata dalla dirigenza sociale nel trovare un abitazione anche tramite agenzia immobiliare! Cosa totalmente llegale in quanto proprio l’ufficio case istituito dal comune dovrebbe occuparsi di essere titolare di contratto di affitto e subaffittare a sua volta al cittadino in difficoltà. Invece in questo momento l’associazione in questione affitta per proprio conto l’alloggio a prezzi di mercato  subaffittando a sua volta con contratti transitori agli utenti comunali. In base alla legge il contratto non potrebbe essere transitorio ma 4+4 proprio per consentire alla famiglia di risollevare le proprie finanze.

Questo ovviamente comporta un grande sperpero di denaro pubblico (che non c’è) in quanto questa filiera ha il suo costo, sottraendo così fondi utili per le famiglie aventi diritto. Un altro punto che ci sta particolarmente a cuore è che a Fiumicino ci sono delle zone a canone agevolato ma attualmente non sappiamo dove sono quindi vorremmo sapere quali sono, il sindaco ci ha promesso delle dettagliate risposte. In base alla legge 80, piano casa Lupi,  il comune può richiedere finanziamenti per il recupero e ristrutturazione di case chiuse per inagibilità e non dell’ater Provincia. Questa richiesta andava presentata entro Settembre, abbiamo quindi chiesto copia della documentazione presentata.

In  conclusione ma non perché meno importante, anzi forse la più importante, abbiamo chiesto al Sindaco della necessità di avviare una task Force di Vigili che vadano a controllare casa per casa i reali occupanti e con controllo incrociato con utenze ed altro la reale presenza di requisit per l’alloggio anche se ci aspettavamo una risposta diversa che non uno scarico verso l’ATER provincia anche perché i soldi per l’assistenzialismo escono dalle casse del nostro comune e che quindi è un dovere dell’amministrazione controllare.

Un primo incontro che è un primo passo avanti per una collaborazione perché riteniamo che sia fondamentale unire le forze per superare un problema perché è con l’aiuto di tutti che si può uscire dalla crisi abitativa che ci circonda.

About Emanuele Bompadre 8242 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.