Andrea Romano, PD: “M5S ha fallito ovunque ha amministrato, Marchini candidato a Roma, lo stimo”

Andrea Romano, deputato Pd, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

Romano (PD) a Radio Cusano Campus: “M5S ha fallito ovunque ha amministrato. Reddito cittadinanza? Elemosina inutile. Da Bersani violenza verbale che non condivido. Marchini candidato Pd a Roma? Lo Stimo, se vuole…”

Amministrazioni M5S fallimentari. “Le amministrazioni del Movimento 5 Stelle -ha affermato Romano- si sono rivelate fallimentari. A Livorno ad esempio il sindaco Nogarin si è visto bocciare il bilancio da un consiglio comunale a maggioranza grillina. E’ come se il Parlamento bocciasse la legge di stabilità e il governo dicesse che è stato giusto bocciarlo. Anche a Pomezia l’amministrazione lascia a desiderare, per non parlare del fatto che il sindaco Fucci ha assunto la propria compagna in giunta, se non è un conflitto d’interessi questo… Noi dobbiamo rimarcare il fatto che quando si trovano ad amministrare falliscono. Probabilmente L’unica amministrazione non fallimentare è quella di Parma, con Pizzarotti che però è entrato più volte in contrasto con Grillo. Credo che Pd e Movimento 5 Stelle si troveranno testa a testa alle prossime elezioni e noi per sconfiggerli dobbiamo mettere in campo una politica efficace. Più la politica riuscirà a essere efficace e più il M5s perderà consenso, perchè loro nascono dal fallimento della politica, ma non sono in grado di amministrare”.

Reddito di cittadinanza. “Nel Medioevo esisteva la rendita, forse i grillini vogliono tornare a quel modello -ha dichiarato Romano-. Il reddito di cittadinanza che vogliono loro è una forma di elemosina, non aiuterebbe i giovani a trovare lavoro. E poi chi pagherebbe questo reddito? Forse vogliono tornare agli anni ’80 quando l’Italia stampava moneta ed è precipitata nel baratro a causa di questo modo di fare”.

Caso Marino. “Il caso Marino dimostra che il Pd ha saputo guardarsi allo specchio e fare pulizia -ha affermato Romano-. Dopo Mafia Capitale ha azzerato i vertici del Pd romano e poi ha chiesto a Marino di fare un passo indietro. Mi piacerebbe che anche il M5S facesse così con i suoi amministratori, dato che stanno fallendo”.

Elezioni Roma. “Marchini? Lo conosco da tanti anni -ha affermato Romano-. Lo stimo molto dal punto di vista professionale. Ma mi pare di aver capito che voglia correre da solo o col centrodestra. Detto questo, se cambiasse idea ne potremmo riparlare. Ma il candidato del Pd sarà scelto con le primarie”.

Bersani contro Renzi. “Non condivido le dichiarazioni rilasciate da Bersani sulla questione dell’innalzamento del tetto del contante -ha spiegato Romano-. Ha usato una violenza verbale che avrei voluto sentire nei confronti del centrodestra o del M5S anzichè del suo partito. Nessuno può accusare questo governo di essere debole con l’evasione fiscale. L’evasione non passa certo per il tetto di 3mila euro”.

Verdini mai nel Pd. “Non c’è rischio che Verdini entri nel Pd -ha assicurato Romano-. C’è un pezzo del centrodestra che sostiene alcune delle riforme del Governo, ma questo è un problema del centrodestra più che del Pd. E’ anche giusto che alcune regole del gioco vengano scritte insieme”.