8 dicembre 2016

Roma Atac, appalti: “Nulla da nascondere.Cronache diffamatorie alimentate ad arte”

Anche oggi le cronache locali e nazionali della stampa riportano in maniera distorta e sostanzialmente diffamatoria la vicenda relativa ai chiarimenti richiesti da Anac ad Atac in relazione alla gestione dei propri acquisti. Tali cronache, artatamente alimentate, ledono l’immagine dell’azienda ed alimentano un clima esasperato fuori e dentro Atac. Sono molti quelli che volontariamente o per insipienza, confondono affidamenti diretti con procedure negoziate, mostrando di ignorare persino la differenza fra le due fattispecie, e con ciò contribuendo a generare la percezione di un malaffare strisciante nella gestione dell’azienda. Anche le numerose comunicazioni che Atac ha diffuso in questi giorni per rendere pubblici con trasparenza, citando atti, i propri comportamenti vengono distorte mettendole a confronto, con fonti anonime e disinformate. In altre cronache si parla di affidamenti diretti per gare che invece sono state oggetto di bando pubblico, come si può facilmente dimostrare (gare per vestiario o per la vigilanza).
In relazione a tutto ciò, Atac comunica quanto segue:

  1. L’azienda conferma ancora un volta la piena disponibilità a collaborare, con la massima considerazione per il ruolo che svolgono, con le istituzioni chiamate a far chiarezza sui comportamenti dell’azienda. Gli uffici sono al lavoro ormai da due giorni a pieno regime e lo saranno anche nei prossimi per rispondere con il massimo scrupolo alle richieste di chiarimento rivolte da ultimo all’azienda da Anac. La richiesta mossa da Anac, peraltro, è ritenuta da Atac un atto dovuto proprio per il ruolo e il peso che Atac ha sia a livello romano sia nazionale nel cui contesto Atac è sicuramente la maggiore realtà: Atac non ha nulla da nascondere.
  2. L’azienda conferma che negli ultimi due anni l’attuale management ha voluto imprimere un senso di forte discontinuità con le precedenti gestioni, fatti che si rilevano anche nei dati presentati dall’Anac, anche nell’ottica del perseguimento degli obiettivi di riduzione dei costi operativi assunti nel Piano Industriale. Giova sottolineare che i dati utilizzati da Anac sono né più né meno che quelli con cui Atac ha alimentato con continuità la banca dati dell’Anac stessa;
  3. Atac ha chiaramente e ripetutamente riferito il proprio operato all’azionista, precisando che l’azienda effettua ogni anno circa 2.500 procedure di gara, oltre il 95% delle quali on-line, attraverso il ricorso alla piattaforma acquisti, che è regolarmente prevista dalla legge, con conseguente completa tracciabilità dei processi in ogni fase. Tale piattaforma, giova ricordarlo, oltre ad essere pienamente coerente con le norme, assicura un alto livello di trasparenza ed economicità, contando su un albo fornitori continuamente aggiornato anche con bando pubblico, proprio per allargare la platea dei fornitori e quindi incoraggiando la concorrenza a scapito di situazioni di potenziali cartelli oligopolistici. Valga un esempio tratto tra i tantissimi possibili. Nell’ambito della ricambistica, nel 2014, su un volume totale di circa trenta milioni per l’anno, il maggior importo totalizzato da un singolo fornitore è stato pari a circa due milioni di euro e per far ciò ha dovuto aggiudicarsi oltre 2.000 gare on line dove per ogni gara ci sono stati centinaia di concorrenti.
  4. La dimostrazione della bontà di tale strategia è nei risultati ottenuti, anche questi condivisi con Roma capitale. Tra luglio 2013 e agosto 2015 sono state pubblicate complessivamente 5.327 gare per un valore pari a euro 536.042.000, con aggiudicazione ad un ribasso medio di circa il 26 %. Atac conferma che dai primi riscontri sulle tabelle emerge che il dato medio degli affidamenti diretti è minore dell’1%. Nello specifico delle forniture nell’anno 2014 le forniture dirette sono state solo 0,4%, le procedure con evidenza pubblica (aperta) ammontano a oltre il 90% dell’importo degli acquisti, mentre le procedure negoziate senza previa pubblicazione equivalgono al 7,3% dell’importo. Peraltro anche la notizia che Atac abbia affidato senza gara la stragrande maggioranza del valore dei propri appalti è palesemente falsa. In particolare, dal 2013 in poi, grazie al notevole sforzo di riorganizzazione interna, la percentuale del valore delle gare effettuate con bando pubblico è cresciuta visibilmente rispetto a quella con gare tramite albo fornitori, arrivando quasi al 90%. Il grafico a seguire, misurato sul valore degli affidamenti, è stato elaborato sulla base dei dati a disposizione di ANAC e mostra con chiarezza che quasi il 90% del valore degli appalti Atac è stato affidato con bando pubblico.
  5. Atac diffida tutti coloro che per i motivi più svariati intendano proseguire tale campagna diffamatoria. Una volta che gli organi istituzionali avranno svolto i loro accertamenti e li avranno conclusi, infatti, l’azienda, fiduciosa nella regolarità dei comportamenti sinora adottati, perseguirà in tutte le sedi coloro che si sono resi responsabili di queste iniziative che, oltre all’immagine aziendale, ha infangato il lavoro e l’onorabilità di migliaia di persone.
About Emanuele Bompadre 8266 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.