6 dicembre 2016

Maestri di Strada riceve il PREMIO NESI 2015

Mercoledì 21 ottobre nella Sala del Capitolo, sita nel Complesso di San Domenico Maggiore (vicoletto San Domenico Maggiore), dalle ore 16 si terrà la consegna del Premio Nesi 2015. Per questa V edizione La Fondazione Nesi di Livorno, su conforme unanime segnalazione del comitato di esperti, ha deciso di assegnare il riconoscimento all’Associazione Onlus Maestri di Strada.

Alla manifestazione interverranno:

Lettura del Messaggio del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella

Luigi De Magistris, Sindaco del Comune di Napoli;

Emilio Di Marzio, Portavoce del Presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca;

Nino Daniele, Assessore alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli;

Alessandra Clemente, Assessore ai Giovani e Politiche Giovanili, Creatività e Innovazione del Comune di Napoli;

Paolo Siani, Presidente della Fondazione Pol.i.s.;

Rocco Pompeo, Presidente della Fondazione Nesi di Livorno;

Cesare Moreno, Presidente dell’Associazione Maestri di Strada;

Santa Parrello, docente di Psicologia dello Sviluppo e dell’Educazione dell’Università degli studi di Napoli “Federico II”;

Nicola Laieta, regista;

Claudia Riccardo, coordinatrice del progetto Giovani per i Giovani

Maestri di Strada nasce formalmente nel 2003 per impulso di partecipazione generosa del “livornese” Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi.

dalle finalità dell’ Associazione Maestri di Strada:

«L’Associazione Maestri di Strada lavora ad accogliere nuovamente nei processi sociali e di cittadinanza tutti quelli che per vari motivi non hanno potuto partecipare alle occasioni già offerte dalle istituzioni scolastiche e sociali. Maestri di Strada si giova dell’apporto gratuito di cittadini come responsabili dell’educazione di giovani a rischio dispersione e interviene rispetto ai sogni, alle aspettative e alle insicurezze connesse all’essere giovani e alle fasi di transizione, con figure di riferimento accoglienti e rassicuranti, creando relazioni forti e protettive rispetto ai rischi e alle difficoltà che occorre affrontare per diventare adulti».

Già in questi elementi si possono ritrovare i valori che Don Alfredo Nesi ha sempre portato avanti nella sua vita (soprattutto nel quartiere popolare Corea di Livorno e poi a Fortaleza in Brasile), e che la Fondazione con il premio alla sua memoria – giunto alla quinta edizione – cerca di mettere in evidenza nella società di oggi.

Come dichiara Cesare Moreno, Presidente di Maestri di Strada: «Ciò che più mi colpisce del discorso di Don Nesi sono le sue idee di esperienza dell’educazione aperta e di dimensione territoriale, concretizzatesi con la creazione del Villaggio Scolastico di Corea a Livorno. In questo quartiere già negli anni ’60 Don Nesi realizzava il proverbio africano Per crescere un bambino ci vuole un villaggio intero: anche secondo Maestri di Strada tutto il territorio e principalmente i giovani stessi devono essere protagonisti del lavoro educativo. L’educazione aperta – principio fondamentale dell’opera di Don Nesi – non è una semplice trasmissione di saperi e di ciò che già c’è ma è un apprendimento che espande il sé e le relazioni. Questi principi fanno parte di una concezione del sociale che ha al centro la creazione di una comunità partecipe, come ad esempio i giovani del progetto “Educazione alla pari” e le giovani donne che sono in attesa o che sono diventate madri prima dei 18 anni destinatarie dell’iniziativa “Giovani per i Giovani” sempre realizzato da Maestri di Strada. Infine un altro punto di contatto importante tra queste due realtà è la cura per la riflessività e per la divulgazione di nuove idee per l’educazione sviluppate nei Quaderni e Libri di Corea e nelle edizioni a cura della nostra associazione».

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5961 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.