11 dicembre 2016

Il talento emergente di Luigi Montella

Luigi Montella è il volto nuovo e sorridente del motociclismo italiano, polso rapido forgiato all’ombra del Vesuvio. Nell’ultima prova del Civ, sul tracciato del Mugello è stato il primo a tagliare il traguardo della categoria 125 Sp 2 Tempi. Un risultato che premia il suo talento e gli sforzi di chi come il padre Gennaro affronta enormi sacrifici per permettergli di sognare tra i cordoli: “Il giovedì – racconta l’asso del Moto Club Amici delle 2 Ruote di Camigliano – abbiamo avuto quattro turni per riuscire a sistemare la moto. Il giorno dopo ho staccato il miglior tempo. Il sabato, poi, sul bagnato ho fatto solo tre giri ed ho fatto mia la seconda casella della griglia. Allo spegnimento del semaforo, dopo la San Donato ero, però, undicesimo. La confidenza con la moto era buona e così ho iniziato una rimonta che mi ha portato al quarto passaggio a fare il giro veloce e a battere tutti sul traguardo, con il secondo staccato di soli 9 centesimi. Quando ho realizzato d’aver vinto il cuore si è riempito di felicità, perché l’affermazione è avvenuta su un circuito bello e di rilevanza mondiale”.

12165966_10206164932255520_15490300_nVittoria che regala la terza piazza finale in classifica generale: “Quest’anno – dice il diciassettenne – è stato propedeutico alla familiarizzazione delle piste nazionali. Alla prima gara disputata a Misano non avendo mai provato su piste del genere ho tribolato molto ed ho concluso la gara al quarto giro per via di una rottura al motore. A Vallelunga riesco a strappare un terzo posto in extremis. Man mano che giravo su queste nuove piste, sia io come stile di guida sia mio padre come tecnico, dopo vari step sulla moto, siamo riusciti a ridurre il gap. Alla prima gara del Mugello, sul bagnato, dopo poche curve, sono primo; purtroppo mi sono fidato troppo della moto e mi sono sdraiato, ed ho gettato così un podio sicuro. Ad Imola si è disputato il quarto round e fin dalle prime prove ho iniziato ad infastidire i veterani della categoria; alla bandiera a scacchi concludo terzo. Così sono arrivato carico per l’ultima prova del Mugello, dove ho vinto. Nei momenti negativi siamo stati bravi nel non abbatterci a trarre esperienza. In questa avventura oltre a mio padre che mi ha seguito nell’assistenza tecnica, mi sono stati vicini gli amici che a turno si sono organizzati per seguirmi in ogni trasferta”.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 6000 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.