2 dicembre 2016

Calcio – Serie D, vittoria dell’Ostiamare contro il Castiadias

L’ Ostiamare riscatta il ko di Sassari grazie al 2 a 0 rifilato al Castiadas, fanalino di coda del Girone G, e si conferma implacabile tra le mura amiche dell’Anco Marzio. Le prime firme stagionali del capitano, Adriano D’Astolfo, e del ” Panzer ” Marco Angeletti, quest’ultimo all’esordio dopo i problemi fisici che lo hanno tormentato nelle scorse settimane, regalano ai biancoviola altri tre punti da mettere come fieno in cascina (e sono 18 su 24), e il quarto trionfo casalingo, con 9 reti fatte e nessuna subita. Bella prestazione da parte dei ragazzi di Ostia, concentrati e determinati dall’inizio alla fine, senza cali di tensione, come rimarcato anche nell’intervista post-gara dal tecnico dell’undici biancoviola, Roberto Chiappara.
Partenza subito decisa da parte dei lidensi che creano subito pericoli dalle parti del portiere dei sardi, Pioli. Ci prova Piro, ma la conclusione in corsa finisce alta, poi è il gigante Vano, che si è mosso bene lottando e sfiorando la rete più volte, a impensierire l’estremo difensore del Castiadas, abile nella deviazione in angolo. I biancoviola insistono e al 12′ passano grazie al capitano D’Astolfo che si regala la prima gioia dell’annata, portando i suoi sull’1 a 0.
La compagine cagliaritana, guidata in panchina da Maccioni, dopo l’esonero di Piccareta deciso dal presidente Piu, prova a reagire ma dalle parti di Barrago sono pochi i pericoli, con la difesa compatta e solida, che viene ben protetta dal comandante Piroli e dai colleghi di reparto, tra i quali Mastrantonio, autore di un’ottima gara. Allora è ancora Ostiamare, pericolosa nelle scorribande di Piro, non tramutatesi poi in gol. All’intervallo, così è 1 a 0.
Si riparte, dopo la pausa, con il leitmotiv che è sempre lo stesso. Ostiamare che controlla la situazione con grande concentrazione, cercando poi di azionare i meccanismi atti a regalare il gol della sicurezza. Che però stenta ad arrivare. Vano cerca di sorprendere Pioli con il destro, ma il portiere del Castiadas è attento. Nei minuti successivi Piro serve ancora una volta Vano che colpisce, sorpreso dal mancato intervento dei difensori sardi, e la sfera schizza prima sulla traversa e poi sul fondo.
Barrago continua a non essere impensierito, se non da qualche tentativo dalla distanza, poi al 32′ è raddoppio biancoviola, è gol dell’Ostiamare che chiude il match. La firma, come detto in apertura, è di Angeletti il quale, entrato qualche minuto prima, con grande energia e volontà va sulla palla servita da Piro e la manda in fondo al sacco con una conclusione di prima intenzione secca e precisa. La rabbia per essere stato fuori a soffrire senza aiutare i compagni si trasforma, con un urlo liberatorio, nella gioia per il gol e per altri tre punti che portano l’ Ostiamare a 18. Una vittoria importante, si va avanti con serenità, grinta e concentrazione, verso il prossimo impegno, che sarà al Frogheri contro la Nuorese.

OSTIAMARE – CASTIADAS 2-0
OSTIAMARE: Barrago; Cesaretti, Piroli, Mastrantonio, Succi; Maestrelli (37’st Catese), Ramacci (21’st Angeletti), D’Astolfo; Piro, Vano (33’st Ferrari), Fraschetti. A disp.: Quattrotto, Macellari, De Nicolò, Kikabidze, Calveri, Spano. All.: Chiappara.
CASTIADAS: Pioli; Frau, Orrù, Bruno, Cordeddu (22’st Coquin); Anedda 6 (22’st Tosi), Piras, Pinna, Contu; Berardi; Thiago Maier. A disp.: Mascia, Porru, Piras, S. Usai, A. Usai, Marongiu, Corona. All.: Maccioni.
ARBITRO: Rossetti di Ancona. ASSISTENTI: Di Giacinto di Teramo e Gasparri di Pesaro.
MARCATORI: 12’pt D’Astolfo, 32’st Angeletti (OM).

Riccardo Troiani