4 dicembre 2016

MotoGP, Australia: la pagella del Dicos

MARC MARQUERZ 10: En plein per il ragazzo di Cervera; primo centro a Phllip Island, il quinto stagionale, il cinquantesimo della carriera. Veloce in qualifica, guardingo ad inizio gara, efficace per gran parte delle tornate, superbo nell’ultimo passaggio. Ha in mente un solo obiettivo e come un mastino assatanato non molla la preda se non dopo averla fatta sua. Le molteplici risposte ai continui attacchi di Iannone e Rossi hanno sfibrato la loro tempra; l’ultima interpretazione record del tracciato australiano è roba per palati fini. Maestoso!

JORGE LORENZO 9: La gara dello spagnolo della Yamaha ha un sapore agrodolce. Agro perché è costretto a piegarsi negli ultimi metri all’azione del connazionale della Honda. Dolce perché recupera punti pesanti nel giardino di casa dell’avversario nella lotta al titolo. Quasi sempre al comando, Jorge ha fatto danzare con eleganza la sua Yamaha tra le mitiche curve australiane. Non è bastato per il successo, ma tra i volti sorridenti c’è anche il suo. Bravo!

ANDREA DESMOIANN 8,5: Secondo in griglia di partenza, terzo al traguardo. L’abruzzese spicca il volo quando scatena la cavalleria desmodromica della creatura frutto del genio dell’ing. Dall’Igna. Nelle curve, poi, con coraggio da templare sfida chi osa contrastare il cammino della sua Desmosedici. Audace e ardimentoso con quasi tutti, quando ha nel mirino il campione del mondo in carica si trasforma in lupo mannaro. Da urlo il duplice sorpasso ai danni di Marquez e Rossi. Andrea è autore di una gara pazzesca e fa piacere vederlo sul podio non solo perché è un italiano che guida un’italiana. Credo, però, che se fosse stato audace con tutti in tutte le tornate, ora si festeggiava un suo successo; forse sono io a chiedere troppo. Gagliardo!

VALENTINO ROSSI 7,5: Sul giardino di casa tutti, in primis quella sorta di istituto Luce del motociclismo moderno (che ha mandato in onda tutte le gare della massima serie tranne quelle vinte da un certo Casey Stoner….neanche quelle in sella alla Ducati…niente di niente), si aspettavano un suo trionfo. Mister 9 ¾ volte, invece, delude le aspettative e rende cupi e tristi i visi di coloro che, come noi da una stanza italiana, hanno ammirato una delle più belle gare degli ultimi anni. Il Vale, a dire il vero, è sempre stato nel vivo dell’azione e ad un certo punto è sembrato in grado di agguantare il teammate. Semplicemente Marc, Jorge e Andrea sono stati più forti; per il titolo, poi, nulla è compromesso. Misteri di una fede che non mi spiego. Tutti sanno che nelle stelle c’è scritto che a vincere il titolo quest’anno sarà il loro idolo. Purtroppo neanche un italiano di Vasto e un’italiana bolognese sono riusciti a farli gioire e ad alzare il loro umore. Vale, mi raccomando, la prossima volta ad alzarli pensaci tu, altrimenti la gioia non vale. Un pizzico sotto tono!

DANI PEDROSA6: Dall’inizio competitivo, Dani è passato alla fine in riserva. Il piacere di essere nel gruppo dei primi sfuma dopo poche tornate. I cinque secondi di paga presi dal compagno di squadra hanno un peso specifico maggiore. Incolore!

HONDA: Accelerazione che fa la differenza.

YAMAHA: Polso maiorchino che fa la differenza.

DUCATI: Velocità che fa la differenza. Con Stoner sarebbe da marcia trionfale.

SUZUKI: Una piccola differenza rispetto al passato.

APRILIA: Nessuna differenza…..

GARA: Avvincente e tra le più belle dell’ultimo lustro.

IL DOMANDONE: “Andrea te non pensi che gli altri sono in lotta per il mondiale?”. Non dovrebbe, invece, essere chi è in lotta per il mondiale a dimostrare di meritare?

TIFOSOTTI: Per i soliti personaggetti il nemico di oggi è Iannone, reo di aver fatto la sua corsa e aver pensato al bene personale e della casa per la quale gareggia. Tifosotti che a chiacchiere inneggiano all’italianità e alla sportività, ma alla prova dei fatti si rivelano evasori di patrio amore e fair play. Non meritano di godere di quello che nelle stelle c’è scritto…..

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5930 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.