5 dicembre 2016

MotoGP – Australia, Marquez domina e tenta la fuga

Il talento di Cervera imprendibile sul tracciato australiano. Lorenzo offre la scia a Iannone, mentre Valentino apre la terza fila.

Qualifiche incredibili nella classe MotoGP™ a Phillip Island. A farla da padrone, incontrastato in ogni sessione fino a questo momento, Marc Marquez (Repsol Honda) spinge come un forsennato esibendosi in traversi e percorrenze straordinarie, che lo proiettano direttamente in pole position. Per il 22enne talento di Cervera, primo in questa sessione di Q2 a scendere sotto il muro dell’1’29”, si tratta dell’ottavo centro stagionale, la metà esatta sui 16 appuntamenti in qualifica finora disputati.

La prima fila, comunque non scherza. Perché i due che lo accompagnano si sono sfidati a distanza molto ravvicinata, chiudendo alla fine col medesimo crono, a 3 decimi dal poleman della giornata. Andrea Iannone (Ducati Team) è stato bravo a sfruttare la scia di Jorge Lorenzo (Movistar Yamaha MotoGP) che qui a Phillip Island può vantare un gran passo e domani si farà valere in gara.

Il maiorchino non deve vedere tutto nero: perché se da una parte gli sembra di aver fatto una sorta di ‘lavoro sporco’, dall’altra può ben sperare in ottica mondiale perché il suo compagno di squadra e rivale per il titolo, Valentino Rossi, non è andato oltre il settimo tempo. Il Dottore dunque aprirà la terza fila e il warm-up e la strategia saranno fondamentali per ridurre il sottosterzo e risalire posizioni importanti e non perdere troppi punti in classifica.

Continua lo straordinario stato di grazia di Dani Pedrosa che, dopo le ultime due prestazioni culminate nella vittoria di Motegi, può riproporsi come protagonista anche in Australia, inserendosi nella lotta per la vittoria. Il veterano di Sabadell ha preceduto l’inglese Cal Crutchlow (LCR Honda) che si conferma quale miglior pilota satellite del lotto, almeno in qualifica.

La sorpresa della giornata arriva da Maverick Viñales (SUZUKI ECSTAR): il rookie della classe regina mostra gran feeling in sella alla sua GSX-RR, affacciandosi temporaneamente alle soglie della prima fila. Il pilota di Figueres, avvalora i suoi riferimenti cronometrici già evidenziati ieri ed è l’ultimo a scendere sotto il muro dell’1’29”.

La terza fila è aperta, come detto, da Valentino, a sua volta seguito dai fratelli Espargarò, che hanno corso praticamente appaiati sia nelle Q1 sia nelle Q2. Alla fine, il maggiore Aleix precede Pol (Monster Yamaha Tech3) invertendo l’ordine della prima cesoia in cui la M1 aveva chiuso davanti alla moto di Hamamatsu.

In netta difficoltà Andrea Dovizioso, che prende paga dal suo team-mate e chiude la top 10 davanti ai connazionali Scott Redding (Estrella Galicia 0,0 Marc VDS) e Bradley Smith. Danilo Petrucci (Octo Pramac Racing) regola Hector Barberà (Avintia Racing), miglior pilota della categoria Open davanti ai diretti rivali Jack Miller (LCR Honda) e Eugene Laverty (Aspar MotoGP Team).

La RS-GP di Alvaro Bautista (Aprilia Racing Gresini) precede il francese Loris Baz (Forward Racing), la futura-MotoGP™ Legend Nicky Hayden e il compagno di squadra Stefan Bradl. Anthony West (AB Motoracing), Toni Elias e Damian Cudlin (E-Motion IodaRacing) chiudono lo schieramento.

La classe regina tornerà in pista domani alle 11:40 locali (02:40 in Italia) per il Warm Up, mentre alle 16:00 (le 07:00 italiane) scatterà la sedicesima gara della stagione 2015 del Campionato del Mondo MotoGP™.
Fonte: MotoGP.com

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5944 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.