7 dicembre 2016

Bersani a Radio Cusani Campus: “Renzi copia Bersluconi? È un dato di fatto”

ROMA 2 AGOSTO 2012 CONFERENZA STAMPA DEL PARTITO DEMOCRATICO PER PRESENTARE LA FESTA DEMOCRATICA,CHE SI TERRA' DAL 25 AGOSTO AL 9 SETTEMBRE A REGGIO EMILIA . NELLA FOTO PIERLUIGI BERSANI FOTO RAVAGLI/INFOPHOTO

L’On. Pierluigi Bersani (PD) è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia, su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

Innalzamento soglia contante a 3mila euro. “Speravo non succedesse –ha affermato Bersani-. Per me questo intervento contiene un elemento di fondo negativo. Cosa intendiamo per cambiamento del Paese? Bisogna incanalare i comportamenti verso un sistema di regole. Noi abbiamo un’economia sommersa, un nero, un’evasione e un riciclaggio che non ha nessun Paese dell’Occidente. Non possiamo dar l’idea che incoraggiamo l’uso del contante, che è uno strumento basico elementare per quei fenomeni negativi. Stiamo dando il messaggio che significa schiacciar l’occhio all’Italia così com’è nei suoi tratti negativi e deteriori”.

Per Renzi la soglia del contante favorirà i consumi. “Renzi dovrebbe usare argomenti che almeno non insultino l’intelligenza degli italiani –ha spiegato Bersani-. Uno che ha 3mila euro per fare un acquisto ha sicuramente la carta di credito in tasca, è che non vuole usarla. Semplificazione? E’ più semplice usare la carta di credito che sfogliare 3mila euro in contanti. Dobbiamo correggerla questa decisione, perché dà un segnale molto preoccupante. L’evasione nel nostro Paese è un fenomeno colossale, non è il caso di aggredirlo con meccanismi terroristici, ma con gli strumenti di oggi: a cominciare dalla tracciabilità dei pagamenti. Negli Stati Uniti se vai a pagare un albergo in contanti chiamano lo Sceriffo”.

Sulla cancellazione dell’Imu. “Era più giusto fare come fece il Governo Prodi –ha affermato Bersani- Dobbiamo esentare le fasce più deboli. Ma perché devo regalare 2mila e 800euro al padrone di un palazzo, mentre una modesta famiglia che ha un modesto appartamento in periferia ci guadagna solo 150 euro?”.

Renzi e Berlusconi. “Berlusconi ha detto che Renzi lo copia? E’ così c’è poco da dire. E’ un dato di fatto” ha dichiarato Bersani.

Riforma costituzionale e Italicum. “Nell’incrocio tra norme costituzionali e legge elettorale –ha spiegato Bersani- all’inizio veniva fuori un sistema che a me preoccupava molto, mi faceva quasi paura. Adesso, grazie allo sforzo di gente che si è impuntata, qualche correttivo forte è avvenuto. Ad esempio il Senato sarà elettivo e l’elezione del Presidente della Repubblica e dei giudici della Corte Costituzionale non potrà essere fatto da un partito solo. Però il sistema delle garanzie ancora non è perfezionato.

No alla personalizzazione della politica. “Continuo a dire –ha dichiarato Bersani- che da quando cadde il Muro di Berlino noi abbiamo inseguito le scorciatoie dell’uomo solo al comando, del mago e abbiamo trascurato l’esigenza di costruire dei collettivi politici stabili. Se abbiamo bisogno di eroi, alla fine avremo bisogno di capri espiatori e saremo sempre da capo. Segnalo che una formazione nuova come quella del Movimento 5 Stelle si sta preoccupando di abbassare i tassi di personalizzazione e di cercare di trovare forme, per me non convincenti, di costruzione di collettivi. Questo lo vorrei dire al mio partito, di preoccuparsi di più di costruire un collettivo piuttosto di come scegliere una persona. Questo è un fatto del futuro, non del passato. Io avevo uno slogan che era ‘Sono moderatamente bersaniano’. Con questo volevo dire che non c’è nessuno che risolve i problemi da solo”.

Migrazioni nel Pd verso Renzi. “Spero solo che queste migrazioni siano dovute a convinzione e non ad elementi di opportunismo –ha spiegato Bersani-. Soprattutto alle nuove generazioni questo darebbe fastidio, perché bisogna giocarsela un po’ nella vita. Si possono cambiare mille idee, ma cambiare idea è un’altra cosa. Nel Pd di Renzi c’è un’incuria per elementi valoriali di cultura politica, di idealità, di cultura di sinistra. Su questo vorrei anche combattere. La destra quando è in difficoltà può accettare di abbracciarti come un pugile sul ring, ma quando è in forma poi ti dà un cazzotto”.