5 dicembre 2016

RS Cup, Davide Nardilli conferma la sua presenza ad Adria con la Melatini Racing

Ph Roberto Piccinini

 

A poco più di un settimana dall’ultimo appuntamento della RS Cup in programma il 24 e 25 ottobre sul circuito di Adria, Davide Nardilli ha confermato la propria presenza con il team Melatini Racing. Il pilota pugliese, che avrebbe potuto concludere la propria stagione in occasione del precedente round del Mugello, prenderà invece parte anche a questo conclusivo round del monomarca del Gruppo Peroni Race e disporrà per l’occasione di una Renault Clio 2 litri aspirato completamente nuova, in un’inedita livrea bianca.

Questo, per Nardilli “junior”, è stato il suo secondo anno nel campionato. “Dopo una stagione 2014 di apprendistato, – spiega il giovane pugliese – in cui mi sono alternato al volante con mio padre Alessandro, il 2015 ha segnato in un certo senso una svolta. La squadra mi ha dato un aiuto importante, mettendomi a disposizione tutto il meglio per apprendere in fretta questa vettura, che è differente dalle altre Turismo. Con il team Melatini Racing avevo già preso parte lo scorso anno alla Endurance 2.0 che si è disputata sulla pista di Vallelunga e da lì è arrivata la decisione di correre con loro”.

Quest’anno tra i protagonisti assoluti della RS Cup, in qualche caso è stato anche particolarmente sfortunato. “Come a Varano, in Gara 2, quando ho preso troppo violentemente un cordolo – spiega Nardilli – Ma l’apice è stato a Monza, dove avevamo “messo a posto” l’unico problema che avevo… che era quello della qualifica in cui forse ero troppo poco aggressivo. E in effetti nelle prove ero riuscito a stabilire il secondo miglior tempo, ma per una sfortuna immensa, non sono riuscito a schierarmi. Dopo le verifiche tecniche, si sono infatti allentati dei perni che sono finiti nella trasmissione. Certo, poi in Gara 2 ho dimostrato che comunque il potenziale c’era, perché da 14° in quella occasione sono risalito fino al quarto posto”.

Quest’anno Nardilli è salito diverse volte sul podio, come Imola e proprio ad Adria. A Misano, mentre era quarto, ha subito invece la penalizzazione di un drive through. Discorso simile a Varano, quando era arrivato ad occupare la seconda piazza.

Una cosa è sicura: all’appello manca la prima vittoria. Un traguardo che Nardilli ha inseguito per tutta la stagione con tanta aggressività e ad Adria gli si presenterà un’ulteriore opportunità. “Voglio farcela, per riacquistare fiducia e ripagare il team di tutti gli sforzi fatti quest’anno per me. Poi comincerò a pensare al 2016”.

About Emanuele Bompadre 8230 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.