6 dicembre 2016

Monterotondo – La città mette in mostra la sua vocazione turistica con l’Educational Day

 

Monterotondo mette in mostra le sue attrazioni e la sua vocazione turistica. Lo fa per un pubblico qualificato, sabato 17 ottobre, in occasione del primo “Educational day” locale, giornata dedicata all’apertura e alla promozione delle attrazioni turistiche della città, riservata esclusivamente ad operatori del settore: direttori di agenzie, presidenti di associazioni di guide turistiche, di cooperative di taxi, di circoli ricreativi aziendali, soprattutto di presidi e responsabili dei piani dell’offerta formativa di Istituti comprensivi, rappresentativi di quel target di turismo scolastico che alle particolarità di Monterotondo potrebbero guardare con sempre maggiore interesse.

«L’obiettivo dell’Educational day  – afferma l’assessore al Turismo Alessandro Di Nicola è quello di mostrare ad un pubblico specializzato, rappresentativo del settore industriale e commerciale del turismo italiano, le specificità che consentono a Monterotondo di ambire legittimamente ad un ruolo integrativo e complementare rispetto all’offerta turistica della Capitale. Ad esempio nell’ambito del turismo scolastico, attraverso il percorso, esperenziale ed educativo, articolato nella visita al museo archeologico multimediale, nei laboratori di archeologia, nelle tante altre attività studiate sulla base dei programmi scolastici, nonché nella possibilità di effettuare un’esperienza di scavo archeologico autentico, direttamente sul campo».   

Un percorso che ha nel circuito museale, archeologico e multimediale, un indiscutibile elemento qualificante, con i suoi eccezionali reperti di straordinaria importanza, esposti in suggestivi contesti architettonici e con l’impiego di tecnologie – proiezioni olografiche, mapping, ricostruzioni in 3D e percorsi  olfattivi – che danno vita ad un “viaggio” di tremila anni, unico nel suo genere.

Il percorso museale non è comunque l’unica attrazione turistica di Monterotondo. Ad esso si aggiungono le aree archeologiche di pregio come quella dell’antica Via Nomentana, i resti dell’antico sepolcreto di età romana e dell’ampia villa romana su cui insiste la torre Sant’Angelo, l’antico tracciato della via di San Francesco, di cui Monterotondo è ultima tappa prima di Roma, l’offerta culturale del Teatro Francesco Ramarini”, la Biblioteca civica, struttura che coniuga le funzioni tipiche di una biblioteca di pubblica lettura con quelle di un vero e proprio centro culturale, non a caso premiata lo scorso anno dalla Regione Lazio con il “Marchio di qualità” riservato alle migliori biblioteche regionali.

A sostanziare la vocazione turistica di Monterotondo concorrono poi altri elementi di oggettiva rilevanza:  l’estrema prossimità territoriale con Roma, i collegamenti viari e gli adeguati servizi di trasporto, la recettività alberghiera, la vivacità del tessuto commerciale costituto da ristoranti, bar, pub e circoli ricreativi soprattutto nell’area del centro storico.

«Sono dati particolarmente significativi – continua l’assessore – soprattutto considerando l’imminenza dell’evento Giubilare indetto da Papa Francesco, che condurrà milioni di visitatori extra rispetto al “normale” flusso turistico verso la Città eterna. Un evento che accelera progetti e programmi di valorizzazione turistico-recettiva, almeno in quelle località dell’hinterland romano che, come Monterotondo, possono vantare elementi distintivi tali da poter intercettare una domanda di ospitalità non limitata alla funzione di “dormitorio” ma orientata ad arricchirsi con esperienze e fruizioni archeologiche, artistiche e culturali, nelle fasce orarie e/o nei giorni non espressamente programmati nei tour in centro o in occasioni religiose, tali da integrare e completare, in una logica di articolazione territoriale, l’offerta turistica romana».

«Quello turistico – conclude il sindaco Alessandri è un comparto economico di grande rilevanza, in grado di produrre in Italia il 13% del pil ed impiegare oltre 3 milioni di persone. La nostra vicinanza a Roma e le nostre particolarità culturali, ricreative e ricettive, che nel nord est romano hanno davvero ben pochi rivali, consentono di ambire ad una prospettiva di crescita turistica di qualità, a cui lavoriamo con tenacia insieme alle tante energie di cui è ricco il nostro tessuto cittadino».

About Emanuele Bompadre 8242 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.