5 dicembre 2016

Di Battista “Blocchiamo gli stipendi dei parlamentari e sblocchiamo i contratti dei dipendenti pubblici”

In un momento in cui l’Italia si trova chiusa nella morsa del terrorismo internazionale il governo abbandona le forze dell’ordine. Oggi in piazza, davanti alla Camera, sono arrivati uomini e donne in divisa. Hanno scelto di farsi sentire in occasione della Legge di Stabilità per chiedere adeguati stanziamenti per il rinnovo dei contratti di lavoro dopo sei anni di blocco.

Protestano perché gli è stata sottratta ogni risorsa: accusano una grave carenza di organico, mancano migliaia di uomini nei comparti operativi e l’età media è oramai troppo elevata.

Sono in piazza con l’intenzione e la volontà di poter garantire a tutti noi uno standard di sicurezza elevato, ma “a queste condizioni – dicono – è impossibile”.

Il M5S è con loro, è sceso in piazza per ascoltare il loro grido, ma ha deciso di non intervenire dal palco (dove invece hanno parlato, fischiatissimi, Gasparri, Santanchè, Giovanardi) perché ritiene sia un atto ignobile sfruttare le difficoltà delle persone come una passerella mediatica. Abbiamo preferito stare tra i cittadini, perché siamo cittadini anche noi.

Le forze dell’ordine sanno benissimo che la “guerra” è in casa, non in Iraq. Si chiama mafia, disoccupazione, si chiama povertà. Ma il governo al posto di sostenerle preferisce spendere decine di miliardi di euro per l’acquisto degli F35.

Ieri i partiti (tutti, dalla LEGA ai partiti di sinistra) invece di approvarsi, in meno di 3 ore, una legge infame (la Boccadutri) per spartirsi soldi dei cittadini, avrebbero potuto stanziare gli stessi 45,5 milioni in favore delle nostre forze di sicurezza e civili. Non lo hanno fatto.

Noi abbiamo una proposta, molto chiara:blocchiamo gli stipendi dei parlamentari e sblocchiamo i contratti dei dipendenti pubblici . Subito. Stiamo dalla parte delle forze dell’ordine, in piazza con loro, non su palchi frequentati da traditori della patria!
Così sulla sua pagina Facebook

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5944 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.