8 dicembre 2016

Rally del Marocco, diario di bordo della quinta tappa del Team Peugeot Total

Al volante della PEUGEOT 2008 DKR15+, l’equipaggio Sébastien Loeb/Daniel Elena ha concluso il suo primo rally raid. Quest’iniziazione, e i chilometri accumulati dalla nuova vettura nelle mani di Carlos Sainz, hanno permesso al Team Peugeot Total di continuare la sua preparazione in vista della Dakar 2016.

Dopo il ritiro della PEUGEOT 2008 DKR16 di Carlos Sainz e Lucas Cruz nella SS4, Sébastien Loeb ha affrontato l’ultima tappa di questo Rally del Marocco consapevole che I 236 chilometri cronometrati presentavano molte difficoltà, soprattutto a livello di navigazione. Partito terzo, l’equipaggio, Loeb/Elena ha finito le sue avventure marocchine con una foratura e un’operazione per fare uscire il veicolo insabbiato, e ha così concluso la sua prima fase di inizializzazione ai rally raid.

I numerosi chilometri percorsi portano un prezioso contributo alla preparazione del Team Peugeot Total, in vista della Dakar 2016. La preparazione continuerà in modo intensivo già a partire dalla settimana prossima perché sono previsti otto giorni di test a Erfoud (Marocco) con la PEUGEOT 2008 DKR16 al cui volante si avvicenderanno i quattro equipaggi del « Dream Team » per proseguire il lavoro di sviluppo.

Bruno Famin, Direttore di Peugeot Sport: « Il bilancio è positivo perché eravamo venuti in Marocco allo scopo per percorrere il maggior numero di chilometri. Non ci siamo riusciti del tutto perché la PEUGEOT 2008 DKR16 si è dovuta ritirare nella penultima tappa. Tuttavia, ci sono molti aspetti positivi, come il livello di prestazioni della nuova vettura. Abbiamo vinto due tappe ed eravamo in testa a quella in cui siamo stati costretti all’abbandono. A livello di affidabilità, il risultato è positivo, benché ci sia ancora qualche problema da risolvere. Uno dei nostri obiettivi era individuare queste criticità in condizioni di gara. Con l’altra vettura, l’idea era che l’equipaggio Sébastien Loeb/Daniel Elena accumulasse esperienza. Sono arrivati alla fine, anche se non sono riusciti a completare la prima tappa. Hanno incontrato molte situazioni difficili, con condizioni di strade molto varie e una navigazione complessa. Penso che la formazione intensa che hanno fatto in questi ultimi cinque giorni sia stata di altissimo livello e molto efficace! »

Sébastien Loeb: « Il bilancio di questo primo rally raid è abbastanza positivo. Ci siamo divertiti e, a livello di prestazioni, abbiamo visto che possiamo essere competitivi sulle strade più scorrevoli in cui conta l’abilità di guida. Quando eravamo sulle dune o nella boscaglia, in cui bisogna mantenere la rotta, per noi è stato più complicato. Quando c’erano le piste nascoste, talvolta abbiamo avuto difficoltà a trovarle. Comunque, quest’esperienza ci ha permesso di conoscere i nostri punti forti e i punti deboli, e ora sappiamo in quale direzione dobbiamo lavorare. »

Classifica tappa 5
1.Giniel De Villiers (ZAF) / Dirk Von Zitzewitz (ZAF), Toyota Hi-Lux 3h09mn38s
2.Bernhard Ten Brinke (NDL) / Tom Colsoul (BEL), Toyota Hi-Lux, +50s
3. Vladimir Vasilyev (RUS)/Konstantin Zhiltsov (RUS), Toyota Hi-Lux, +2mn49s
4. Mikko Hirvonen (FIN)/Michel Perin (FRA) , Mini All 4 Racing, +2mn52s
5. Leeroy Norman Poulter (ZAF)/Robert Duncan Howie (ZAF), Toyota Hi-Lux, +3mn20s
13. Sébastien Loeb (FRA)/Daniel Elena (MC), PEUGEOT 2008 DKR15+, +12mn11s

About Emanuele Bompadre 8279 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.