10 dicembre 2016

Mercoledì giornata cruciale in Senato per il cosiddetto decreto Cirinnà-bis

 

E’ ancora braccio di ferro in Senato tra il Presidente del Consiglio, Matteo Renzi, e l’area popolare sulla questione delle Unioni Civili che sembra non voler proprio arrivare a compimento. E’ un muro contro muro fra Pd e lo schieramento popolare (spalleggiato da Forza Italia), con scambio di reciproche accuse sulle responsabilità della frattura. Ma continua anche inevitabilmente in queste ore la ricerca di una sospirata mediazione in favore del cosiddetto Cirinnà-bis (ddl 2081, sottoscritto da tutti i commissari Pd più il socialista Buemi) che tiene ancora in sospeso tutta la maggioranza. Per le votazioni sul provvedimento occorrerà però attendere in aula la fine della sessione di bilancio sulla legge di stabilità.

Lauspicio è che si possa discutere delle unioni civili senza toni di furore ideologico, ma cercando di trovare un punto di sintesi. Non si può rimandare”: è la premessa del Presidente del Consiglio. Categorico invece il Ministro Angelino Alfano: “Non vogliamo che si violino alcuni paletti fissati dalla Corte Costituzionali, che si faccia una sorta di equiparazione con il matrimonio e ci sia la possibilità di arrivare prima o dopo, anche attraverso l’intervento della magistratura, all’adottabilità dei bambini da parte di coppie dello stesso sesso: no alle adozioni per coppie gay”.

“Matteo Renzi è anche segretario del Partito Democratico ed ha vinto le primarie portando nel proprio programma le unioni civili basate sul modello tedesco, che prevede quella stepchild adoption che oggi appare il punto dirimente – afferma il presidente Mario Marco Canale dell’Associazione Nazionale ANDDOSé per questo che la posizione assunta in queste ore per cui il PD spinge per l’incardinamento e lascia la parola al parlamento ci sembra molto debole. Pertanto chiediamo oggi una presa di posizione al segretario del PD, tenendo conto che non c’è nulla di ideologico nelle rivendicazioni alla base di questa legge, in quanto tutto ciò che è ideologico è per definizione qualcosa che opprime le idee e gli interessi degli altri. Detto questo, speriamo al più presto nel voto in aula, in quanto è evidente la presenza di un fronte laico, con M5S, SEL e gli altri senatori che sosterranno la legge, in grado di approvare finalmente questo primo passo verso l’uguaglianza”.

Marco Tosarello

About Emanuele Bompadre 8294 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.