11 dicembre 2016

Le ricerche sui terremoti pagate dai petrolieri

C’è «un palese conflitto di interesse» che mette a rischio la sicurezza degli abitanti dell’Irpinia. Così lo definisce Giancarlo Giordano, deputato di Sel eletto in provincia di Avellino, zona sotto cui da alcuni anni è iniziata la caccia a gas e petrolio. Il conflitto in questione, secondo Giordano, riguarda l’Ingv, l’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia. Un ente pubblico che fa capo alla Protezione Civile e vanta, tra i vari compiti, quello delicatissimo di sorvegliare l’attività sismica. Ma come può l’Ingv essere indipendente nelle sue ricerche se a pagarlo è la stessa società privata sulle cui opere l’ente pubblico dovrebbe indagare? E’ questo il fulcro dell’interrogazione parlamentare presentata lo scorso 28 settembre da Giordano e indirizzata al governo.

“L’Ingv vende servizi di consulenza, oltre che ad enti pubblici, anche a società private – si legge nell’interrogazione – tra queste ce ne sono alcune direttamente coinvolte nell’estrazione di gas e petrolio. C’è ad esempio la collaborazione con l’azienda petrolifera brasiliana Petrobras, c’è il contratto di consulenza con la francese Total per il progetto Tempa Rossa, in Basilicata, uno dei più grandi giacimenti petroliferi scoperti nella Penisola, per il quale l’Ingv ha in corso un contratto biennale per il monitoraggio sismico. l’Ingv sarebbe anche in trattativa per diventare consulente anche della Compagnia generale Idrocarburi per un progetto di trivellazione da avviare in Irpinia. C’è un palese conflitto di interessi che bisogna rimuovere alla radice, escludendo la possibilita’ che l’Ingv si faccia pagare le consulenze dai privati”.

Secondo il deputato di Sel, l’Ingv che è in trattativa per diventare consulente anche della Compagnia generale Idrocarburi, meglio nota in Irpina come Cogeid, per un progetto di ricerca di idrocarburi che la piccola società italiana vorrebbe avviare tra le province di Avellino e Benevento, e che riguarda una superficie totale di 698,5 chilometri quadrati. In questa zona, tristemente famosa per il sisma che nel 1980 causò la morte di oltre 2.914 persone, la società romana ha ottenuto nel 2010 dal ministero dello Sviluppo economico un permesso di ricerca di idrocarburi. Concessione – al momento sospesa in attesa del via libera del ministero dell’Ambiente sulla perforazione del pozzo Gesualdo 1 – che ha suscitato i timori di una parte della popolazione locale, preoccupata all’idea che le trivelle possano scatenare nuovi terremoti. Da qui l’idea di chiamare in causa l’Ingv.

La consulenza è stata richiesta dalla regione Campania con l’obiettivo di «determinare lo stato vibrazionale ante operam», scrive nell’interrogazione il deputato di Sel. In altre parole, il compito dell’Istituto sarebbe quello di verificare la situazione sismica sul territorio irpino prima dell’inizio delle trivellazioni, così da poter poi registrare le eventuali differenze. «Peccato che», aggiunge Giordano interpellato dal giornalista de l’Espresso che ha reso pubblica la notizia, «quella consulenza sarebbe pagata dalla stessa Cogeid, e quindi l’Ingv si troverebbe in evidente conflitto d’interesse visto che la società privata che la finanzia ha tutto l’interesse a trivellare senza che si crei allarme». La soluzione? «È una sola», secondo Giordano: «bisogna rimuovere alla radice la possibilità che l’Ingv si faccia pagare le consulenze dai privati». Sentito da “l’Espresso,” l’Ingv dice di essere stato contatto da Cogeid nel 2013 ma – assicura – «ad oggi non è stato attivato alcun tipo di contratto di consulenza».

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5996 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.