11 dicembre 2016

Grottaferrata – Invito alla lettura, concluso l’evento letterario

Evento letterario promosso dal Comune di Grottaferrata e svoltosi venerdì 9 ottobre nella Biblioteca comunale “B. Martellotta”. Presentate al pubblico le due opere librarie “Iniziazione alla Divina Commedia” di Giuseppe ARGENTO, e “Edmund Brown” di Simone TOSCANO.

Si è svolto venerdì 9 ottobre in Biblioteca un piacevole ed interessante incontro letterario che ha dato l’opportunità al folto pubblico intervenuto di conoscere e apprezzare due opere librarie di alta fattura, rispettivamente la pubblicazione “Iniziazione alla Divina Commedia” del co-autore Giuseppe ARGENTO, scritto in unione al commento di Vincenzo MURA ANERIS, scomparso nel 1982, ed il romanzo “Edmund Brown” scritto dal giovane Simone TOSCANO. Un abbinamento insolito ma che, alla luce delle trame e degli argomenti trattati nei due libri, trova un inaspettato comune denominatore, come illustrato dal Sindaco Giampiero FONTANA nel suo intervento di apertura e presentazione:

“Nella loro significativa diversità, le trattazioni sull’opera dantesca contenute nel libro di ARGENTO e la storia raccontata dal romanzo di TOSCANO hanno una linea comune: in entrambi c’è infatti un percorso che porta ad una crescita personale, ad una svolta e ad una nuova consapevolezza, che nel primo caso consiste nello scrutare e comprendere un linguaggio segreto ed un cammino iniziatico, mentre nel secondo tratta nel vivere e governare un particolare dono.”

Altri aspetti comuni fra i due Autori sono la prima pubblicazione personale ed il fatto di aver scelto la stessa casa editrice, la Youcanprint, la quale offre il servizio di “self publishing”. Entrambi i testi sono disponibili nei cataloghi online sia in forma cartacea che in ebook, e nel caso di “Edmund Brown” la vendita è stata resa disponibile da diverse settimane anche nelle edicole.

Dopo la presentazione degli Autori e dei loro testi, il Sindaco FONTANA ha lasciato spazio ai due colloqui: il giovane scrittore Mario SAMMARONE, collaboratore dei quotidiani “Il Garantista” e “La Città”, e autore di racconti pubblicati su diverse riviste letterarie, ha intervistato Giuseppe ARGENTO, di professione psicologo, cresciuto nella corrente legata alla psicosintesi di Roberto ASSAGIOLI, mentre a seguire Alessio FOLLIERI, filosofo, saggista e sceneggiatore, nonché presidente dell’Associazione culturale “Aster Academy International”, ha posto le domande al giovane Simone TOSCANO, romano di nascita e la cui famiglia ha origini nel Comune gemellato di Rossano Calabro.  

“Iniziazione alla Divina Commedia nasce effettivamente circa quarant’anni fa – ha raccontato Giuseppe ARGENTO – in un’epoca in cui l’interpretazione dell’opera di Dante Alighieri era limitata agli aspetti letterali, allegorici e morali dei fatti raccontati. Vincenzo MURA ANERIS, che è stato Gran Maestro Aggiunto dell’Ordine Martinista Antico e Tradizionale e presidente dell’A.R.C.O, ne ha introdotto una visione iniziatica e spirituale, secondo cui l’uomo, nato già come spirito su questa terra prima di essere carne e sangue, tornerà ad essere spirito dopo aver portato con sé i frutti gloriosi dell’esperienza terrena. Con il termine “iniziazione” si intende il primo passo di quel percorso di vita che prevede un metodo ed una pratica particolare volta all’elevazione. MURA ANERIS visse in prima persona questo processo di iniziazione, e scrisse il Commento alla Divina Commedia con l’intento di svelare il linguaggio nascosto nelle terzine dantesche, che rivela la dottrina segreta dei “Fedeli d’Amore”, organizzazione iniziatica di cui Dante e tanti altri del suo tempo erano adepti. Si è fermato all’undicesimo Canto dell’Inferno, prima di lasciare questa Terra. Io ho voluto portare alla luce questo Commento, arricchendo e completando altresì l’opera da lui iniziata, arrivando fino al Paradiso, che è la chiave di volta dell’opera, il luogo da dove noi uomini proveniamo e a cui miriamo.”

“Il motto che deriva nell’iniziazione, prendendo in prestito le nozioni della psicosintesi, è quello del “conosci te stesso, possiedi te stesso, trasforma te stesso”, dove il primo e fondamentale passo è quello della conoscenza di sé.”

Non è Vincenzo MURA ANERIS e non sono io il soggetto di questo libro – ha infine sottolineato ARGENTO – e non lo è nemmeno Dante ALIGHIERI, che considero un genio, poiché è l’opera stessa ad essere protagonista. Si tratta di un libro che amo definire per tutti e per ciascuno, nel senso che tutti possono comprenderne il significato ed il messaggio, ed in seconda battuta ad ognuno può dare una visione diversa e indicare un cammino specifico per la propria vita.”

Edmund Brown” di Simone TOSCANO, pubblicato un anno fa, ha già ricevuto un alto gradimento da parte dei lettori, e come annunciato nel corso dell’evento, è in fase conclusiva il progetto di sceneggiatura che trasformerà il romanzo in pellicola cinematografica, a cura del produttore Daniele GRAMICCIA.

L’omonimo protagonista del libro, è il soggetto attorno a cui ruotano tutti i personaggi e gli eventi, narrati nell’immaginaria città statunitense di Castrol. Il trentenne Edmund, per tutti “Ed”, ha un dono particolare, spesso considerato da lui una maledizione: ha la facoltà di vedere come accadrà la morte delle persone che incontra, in un bar, nel traffico o per strada, semplicemente dopo uno sguardo o una stretta di mano. E’ un qualcosa che non può controllare e governare, e che non riguarda le persone a lui vicine. Per anni ha subito passivamente tutto ciò, finché non decide di intervenire nella vita delle persone coinvolte nelle sue visioni.

“Il mio essere scrittore nasce dall’entusiasmo di tante letture avvenute fin dalla mia adolescenza, emozionandomi per gli scritti dei vari Eco, King, Brown e tanti altri – ha raccontato Simone TOSCANO nel corso della sua intervista – Dunque, covavo in me il desiderio di emozionare altrettanto tantissime persone con un racconto pensato e creato da me. Dopo un tentativo andato a vuoto intorno ai miei 21 anni, nel 2014 ho cominciato a scrivere di nuovo un racconto, la cosa mi ha soddisfatto e si è sviluppata fino a trovare la possibilità di essere pubblicata e quindi di essere conosciuta al mondo.

Il tema della premonizione, presente nel mio libro, non è certo originale, come ormai è raro trovare delle idee completamente nuove nelle narrazioni, ma ciò che secondo me rende di successo un’opera libraria sono le caratteristiche della stesura e dello sviluppo di una storia. Quella di Edmund Brown si modella intorno ad un dilemma: potendo vedere come e quando finirà la vita di una persona, quale via si può intraprendere? Intervenire esortando il soggetto interessato a farsi un controllo medico, a non prendere più aerei ecc., oppure essere indifferenti, girarsi dall’altra parte e continuare normalmente la propria vita? Nel libro vengono vissute entrambe le fasi, aprendo così la riflessione sul modo di spendere l’esistenza conoscendone esattamente il tempo residuo a disposizione.

“Il motivo per cui ho scelto l’ambientazione americana piuttosto che italiana – ha proseguito TOSCANO – ricade nella concezione che una storia che tratta il sovrannaturale possa essere maggiormente credibile agli occhi di un lettore se “vestita” addosso ad un personaggio e ad una realtà così diversa e distante da noi, ed anche perché buona parte della letteratura che amo proviene dal mondo anglosassone e americano.”

Come sottolineato dall’intervistatore Alessio FOLLIERI, la particolarità del personaggio Edmund BROWN consiste nel processo di trasformazione che vive nel corso degli eventi della storia, nel passaggio mentale e concreto nel vivere il suo dono: “Le visioni di morte che lo colpiscono corrono per Edmund sul doppio binario della maledizione e della benedizione, dello sconvolgimento e della speranza. E’ un dualismo psicologico particolare che rende unico questo personaggio, che spero venga gradito e apprezzato dalla critica dei lettori.”

About Samantha Lombardi 4035 Articoli
Samantha Lombardi è un archeologa, laureata in Archeologia e Storia dell'Arte del Mondo Antico e dell'Oriente. Cura un sito che parla del patrimonio artistico (www.ilpatrimonioartistico.it), collabora con l'Ass. Cul. Il Consiglio Archeologico ed è addetta stampa dell'Ass. di Rievocazione Storica CVLTVS DEORVM. Dal maggio del 2014 collabora con Il tabloid.it