7 dicembre 2016

Trofeo Amatori – Lake’s Biker Team, quando la passione per la moto consente di superare ogni ostacolo

 

Si è conclusa al Mugello la stagione 2015 di Gianluca Chiavari, trentottenne pilota non-professionista di Anguillara Sabazia (Roma) che, in sella alla sua Honda, ha partecipato al Trofeo Italiano Amatori di moto velocità nella classe 600 Avanzata 1.

Chiavari, che nella vita di tutti giorni fa il geometra e che corre per pura passione, ha chiuso onorevolmente il campionato, classificandosi quattordicesimo assoluto e sesto nella speciale classifica Over 30 in cui ha sfiorato per tre volte il podio (su sei prove).

Fondatore e portacolori del Lake’s Biker Team, che nel nome rende omaggio al Lago di Bracciano, lo specchio d’acqua sul quale è affacciato lo splendido abitato di Anguillara, Chiavari condivide la squadra con Giacomo Caporale che ha disputato lo stesso trofeo nella classe 600 Base ma con minore continuità; cinquanta anni, romano, Caporale ha chiuso al 24° posto assoluto, 14° nel raggruppamento Over 30.

Chiavari si definisce un pilota anomalo, il risultato agonistico è l’ultimo dei suoi pensieri, anche se sempre al Mugello, il 23 agosto, ha ottenuto un nono posto di tutto rispetto, sua migliore prestazione stagionale. Ciò che lo interessa di più è il team, il Lake’s Biker, perché della squadra fanno parte anche due piloti, Maximilian Sontacchi di Padova e Sergio Bachi di Viareggio, affetti da grave disabilità in quanto paraplegici.

In particolare Sontacchi non si è mai arreso alle conseguenze del grave incidente causato da un auto pirata che lo investì quando aveva solo 17 anni. A quel tempo Max correva in moto da quattro anni e per lui le competizioni rappresentavano l’obiettivo di una vita. Il sogno si infranse improvvisamente ma con grande forza di volontà il pilota veneto, nonostante le irreversibili lesioni, non ha abbandonato l’idea di tornare in pista.

Ha iniziato ad occuparsi di riabilitazione, è stato uno dei fondatori del progetto “Icaro” sulla sicurezza stradale e contemporaneamente ha iniziato a concepire l’idea di una moto speciale, adatta alla sua disabilità.

L’incontro con Chiavari ha reso concrete queste speranze, è nato così il progetto “Rimettiamoci in moto” e si è formato un pool di tecnici e meccanici che ha modificato totalmente una moto, trasferendo tutti i comandi al manubrio con grande ausilio dell’elettronica; gli stessi tecnici hanno lavorato anche sull’assetto e sulla possibilità di stare in moto non disponendo fisicamente dell’uso degli arti inferiori.

Nonostante lo scetticismo di alcuni sanitari, Sontacchi, a dieci anni esatti dall’incidente che ha cambiato la sua esistenza, ha debuttato a Vallelunga in una gara riservata ai diversamente abili in cui si è trovato ad essere l’unico paraplegico; ma tutto è andato per il meglio!

Da quel momento il Lake’s Biker Team di Gianluca Chiavari ha incrementato il suo impegno verso questa particolare categoria di piloti, anche con investimenti non indifferenti, in gran parte autofinanziati. E’ così nata una struttura autonoma che si è data l’obiettivo di permettere a piloti con una disabilità così grave di svolgere la propria attività senza particolari aiuti da parte di personale specializzato o amici. Nel progetto è entrato anche il toscano Sergio Bachi.

La moto è un vero laboratorio, attualmente unica in Italia ed è in continua evoluzione, per questo il team e i piloti sono alla ricerca di tecnici e aziende in grado di fornire tecnologie  e materiali da sperimentare, il tutto finalizzato al progetto “Rimettiamoci in moto”.

Dunque un connubio tra agonismo puro e solidarietà, tra competizioni ed impegno sociale nato nel clima di grande sportività del Trofeo Italiano Amatori e che ha trovato in Gianluca Chiavari un motore inesauribile, carico di entusiasmo e passione.