5 dicembre 2016

Roma – Operazione “Servizio Globale”, 9 custodie cautelari per associazione a delinquere

Nella mattinata odierna, i Finanzieri del Comando Provinciale di Roma hanno eseguito misure cautelari personali nei confronti di 9 persone per reati di associazione per delinquere, corruzione, frode fiscale e reati in materia di accise.

L’operazione rappresenta l’esito conclusivo di complesse indagini delegate al Nucleo di Polizia Tributaria della Capitale dalla Procura della Repubblica di Roma, le quali hanno fatto luce sull’operatività di un sodalizio criminale dedito alla illecita importazione di rilevanti quantità di olio lubrificante in evasione d’imposta ed all’emissione di fatture false.

Il sistema illecito ideato prevedeva la costituzione di società “cartiere”, del tutto prive di effettiva consistenza aziendale ed intestate a meri prestanome, che venivano interposte tra i fornitori comunitari di olio lubrificante proveniente da Francia, Germania, Lituania, Belgio e Polonia, ed il reale destinatario del prodotto, cioè la società RS 2000 S.r.l. dei fratelli DI NARDO Nicola e Fabio, attiva nel territorio di Pomezia nel settore della commercializzazione dei prodotti ed accessori per automobili. In tal modo, l’onere fiscale dell’importazione veniva fatto gravare interamente sulle società “cartiere” interposte che, dopo aver operato per un breve periodo di tempo sotto il controllo occulto dei DI NARDO e del loro sodale ARBIA Carlo, erano destinate a scomparire senza lasciare alcuna traccia e senza versare alcuna imposta all’Erario.

Ulteriori società fittizie, poi, erano utilizzate per la sistematica emissione di fatture relative ad operazioni inesistenti, attività che consentiva non solo di realizzare una considerevole evasione fiscale ai beneficiari delle fatturazioni – in particolare ad un gruppo societario di Avezzano (AQ) facente capo all’imprenditore abruzzese FRACASSI Vincenzo – ma anche di movimentare ingenti somme di denaro che, in larga parte, venivano utilizzate proprio per finanziare le illecite importazioni di olio lubrificante, in quanto veicolate sui conti correnti delle società “cartiere” al fine di consentire a queste ultime di pagare ai fornitori esteri gli ordinativi di prodotto da introdurre in Italia. A conferma della reale operatività dell’organizzazione criminale, nel corso delle investigazioni le Fiamme Gialle hanno effettuato alcuni palesi interventi “su strada”, volti ad interrompere le attività criminali in corso ed acquisire specifici elementi di prova circa le operazioni illecite condotte dal sodalizio, pervenendo al sequestro di più di 40 mila litri di olio lubrificante, formalmente importato dalle società cartiere, ma in realtà destinato alle imprese dei fratelli DI NARDO.

Ulteriori approfondimenti investigativi hanno consentito di accertare che, nel solo periodo ricompreso tra il mese di giugno ed il mese di settembre del 2014, i sodali hanno effettuato 8 illecite importazioni, introducendo nel territorio italiano oltre 150 mila litri di olio lubrificante in totale evasione d’imposta. Le indagini hanno consentito di appurare come le operazioni di creazione delle società “cartiere” venissero svolte da un consulente del lavoro di Roma, IURATO Claudio, con la fattiva collaborazione di CACCIAPUOTI Carmine, Ispettore della Guardia di Finanza, che – per reclutare in quell’area geografica prestanome ai quali intestare formalmente le società fittizie – si avvaleva anche di propri familiari e conoscenti residenti nel napoletano, quali il fratello CACCIAPUOTI Nicola e CASTALDO Antonio.

Il CACCIAPUOTI è risultato coinvolto anche in ulteriori vicende di natura corruttiva. In particolare, è emerso che il militare, in cambio di vantaggi economici, ha fornito la propria assistenza ed ha messo le proprie conoscenze professionali a disposizione di un ulteriore sodalizio criminale dedito alle frodi fiscali, capeggiato da GIACOMETTI Roberto, assicurando la creazione di veicoli societari fittizi con i quali realizzare false fatturazioni nel settore della commercializzazione di prodotti informatici. Con l’esecuzione del provvedimento odierno, sono finiti in manette DI NARDO Nicola, IURATO Claudio, CACCIAPUOTI Carmine e GIACOMETTI Roberto, mentre sono stati posti agli arresti domiciliari DI NARDO Fabio, FRACASSI Vincenzo ed ARBIA Carlo. Disposta la misura cautelare dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria nei confronti di CACCIAPUOTI Nicola e CASTALDO Antonio.

Congiuntamente alle 9 misure cautelari personali, i finanzieri del Nucleo di Polizia Tributaria di Roma hanno eseguito 50 perquisizioni in tutta Italia.