8 dicembre 2016

Avv. Naso, legale di Carminati: “Mafia Capitale, processo senza diritto di difesa”

Giosuè Bruno Naso, legale di Massimo Carminati, è intervenuto su Radio Cusano Campus, l’emittente dell’Università degli studi Niccolò Cusano (www.unicusano.it) nel format ECG Regione condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio, per fare il punto sul processo che prenderà il via il prossimo 5 novembre.

Naso non le manda a dire alla procura: “Il punto non è semplice da farsi, vi sono delle situazioni che ancora debbono essere definite. Noi abbiamo ricevuto un provvedimento di natura ordinatoria emesso soltanto dal presidente del collegio con il quale ci si informava che il processo avverrà attraverso il sistema delle videoconferenze. Tutti gli imputati non potranno essere in aula ma saranno collegati tramite un sistema di videoregistrazione. Ci è stato inoltre comunicato che il calendario prevede da novembre a luglio 2016 quattro udienze a settimana. Il processo si svolgerà, tranne la prima udienza, nell’aula bunker di Rebibbia. Davanti ad un provvedimento del genere è evidente che si vuole trattare questo processo come se fosse diverso dagli altri e questo è il frutto di una meditata strategia mediatica posta in essere dalla Procura, perché questo processo in realtà è di una banalità sconcertante. Tutti i difensori sono allarmati, se venisse data attuazione a queste disposizioni il diritto di difesa degli imputati sarebbe vanificato e soprattutto trenta quaranta avvocati dovrebbero chiudere lo studio, per occuparsi solo del processo legato a mafia capitale. Questa fretta ha una sola spiegazione, quella di evitare la scarcerazione per scadenza termini che matureranno per alcuni a maggio e per altri a novembre. Arrivare alle scarcerazioni per decorrenza dei termini, però, sarà inevitabile“.

Naso attacca la procura e accusa il sistema in cui viene usata la carcerazione preventiva: “Questo rischia di essere un processo senza difesa per gli imputati. La mia affermazione è grave, ne sono consapevole, ma è grave anche negare la presenza fisica degli imputati in aula, negandogli un contatto diretto ed immediato con i propri difensori. Questo significa che la difesa non potrà contare sull’apporto diretto del proprio assistito, che attua una difesa di natura sostanziale, perché nessuno più dell’imputato può sapere come stanno le cose.  Non si può fare un processo a tappe forzate quando si è perso un anno nella inerzia più totale. Dal trenta maggio ci si è convocati per la prima udienza sei mesi dopo. Questo per una studiata strategia della procura che vuole esasperare la custodia cautelare degli imputati. E’ ovvio che una lunga carcerazione, durante la quale non avviene nulla, non si compiono atti istruttori finalizzati a chiarire le cose, è fatta di proposito per far stare le persone in carcere a marcire. Questo è un costo enorme anche per il contribuente. Ci si dimentica la presunzione di non colpevolezza prima di una sentenza passata in giudicato. La custodia cautelare dovrebbe essere una eccezione rispetto alla regola, qui si sono sovvertiti completamente i principi fondamentali della giustizia, contestando questa risibile associazione di stampo mafioso a reati comuni e purtroppo diffusi, quali la corruzione o la turbativa d’asta”.

Naso ribadisce che Carminati stavolta non utilizzerà il diritto di rimanere in silenzio, ma parlerà davanti al Giudice: “Io non vedo Carminati da agosto, è a Parma in carcere in regime di 41bis. Ho il privilegio di difendere una persona intelligente, che sa riconoscere al proprio difensore quella competenza professionale che gli ha fatto guadagnare la sua fiducia, quindi farà quel che gli suggeriremo noi difensori a seconda delle esigenze che il processo potrà offrire. Carminati quindi parlerà con il Giudice, tenendo conto ovviamente di quello che produrrà il dibattimento”.

Naso e la sua lista dei testimoni: “La mia è molto meno corposa rispetto a quella che stanno preparando alcuni colleghi. La difesa di un imputato, secondo me, si attua attraverso un controesame dei testimoni del pubblico ministero. Noi ci dobbiamo confrontare con forti pregiudizi accusatori. Il processo che vorrebbe accusa e difesa sulla stessa linea non può prescindere da un giudice assolutamente terzo. Questo, da venticinque anni a questa parte, non si è ancora mai verificato. Il giudice non è terzo, il giudice è sbilanciato verso le ragioni dell’accusa ed è intimamente convinto di perseguire lo stesso scopo che persegue il pubblico ministero e quindi vede la difesa come un qualcosa che abbia il proposito di ostacolare la loro azione. Il giudice, invece, più della verità e della giustizia si dovrebbe preoccupare della legalità del procedimento. Il giudice dovrebbe essere il tutore della legalità”.

Il legale di Carminati non risparmia critiche al giornalista Lirio Abate, che per primo parlò dei quattro re di Roma: “Non è facile resistere a questo can can mediatico che non è casuale, ricordate l’articolo di Abate sull’Espresso sui quattro Re di Roma? Meriterebbe il Pulitzer per le sue capacità divinatorie, con due anni di anticipo ha previsto tutto, Fasciani, Senese, Carminati e i Casamonica. Come mai i giornalisti comuni queste doti non ce l’hanno?”

Naso su Suburra: “Ho chiesto scherzando a De Cataldo che un giorno dovrà pagarci i diritti d’autore. So che il personaggio Samurai dovrebbe rievocare la figura di Carminati. La scelta di Amendola però non mi sembra azzeccata. Amendola è immediato, un po’ grezzo, un po’ greve. Carminati è più raffinato, più meditato, più fine, anche fisicamente. Da ragazzo era molto bello. Nell’interpretarlo avrei visto bene un Kim Rossi Stuart. Amendola nelle interpretazioni che va a fare è sempre, un po’ becero. Non credo però che un filmetto come Suburra possa influenzare i giudici nel processo. Voglio sperare proprio che questo non accada. Siamo nelle mani di giudici professionali, di persone che si possano fare influenzare da un filmetto. Non ho alcuna preoccupazione di tal genere. In aula comunque riusciremo a far cadere l’accusa di mafia”.