8 dicembre 2016

Roma – Il movimento Lgbti riconosce l’impegno del primo cittadino di Roma per le unioni civili

 

Le associazioni Lgbti riconoscono al dimissionario sindaco di Roma, Ignazio Marino, la sua decisa ed ideologica azione politica a favore dei diritti, nonché l’impegno dedicato al contrasto dell’omofobia e della transfobia, attraverso anche una campagna di comunicazione promossa nel luglio 2014 da Roma Capitale per i giovani spesso vittime di bullismo e discriminazioni. Senza dimenticare che il 18 ottobre dello scorso anno il primo cittadino capitolino, in barba anche alle disposizioni del ministro Alfano e suscitando la reazione dell’allora prefetto Giuseppe Pecoraro nonché l’ira dei vescovi, segnò una giornata particolare e storica registrando in Campidoglio sedici matrimoni samesex celebrati all’estero. Un atto altamente simbolico per difendere il diritto a vedere riconosciuta la propria unione indipendentemente dall’orientamento sessuale.

Comunque la si possa pensare sul piano politico e a prescindere da orientamenti e appartenenze partitiche, è giusto ricordare l’impegno del Sindaco Marino sul tema dei diritti civili e dell’uguaglianza delle persone LGBTI – afferma in una nota l’Associazione Nazionale ANDDOS – . Ignazio Marino è stato il primo sindaco di Roma a partecipare ad un Pride, coinvolgendo per la prima volta l’amministrazione comunale e i suoi simboli nella parata. Si è esposto in prima persona contro la circolare che negava la trascrizione dei matrimoni celebrati all’estero, come altri sindaci, facendolo tuttavia nella città più significativa per storia e tradizione, cioè Roma. Sotto la sua giunta, lo scorso gennaio, è stata approvata la delibera delle Unioni Civili, che ha dato un grande segnale politico di laicità al Paese e al Parlamento. Sono stati infine istituiti il servizio LGBT di Roma Capitale, con l’elaborazione di un Piano di iniziative strutturato e discusso con le associazioni, e la Settimana Rainbow, che quest’anno avrà luogo dal 11 al 18 ottobre nei municipi della capitale. Si poteva fare meglio? Si poteva fare meno? È possibile. Tuttavia, è un fatto che questo approccio laico e democratico al tema dell’uguaglianza delle persone LGBTI è ancora un fenomeno troppo sporadico nel nostro Paese”.

L’ANDDOS ha voluto anche sottolineare quanto sia discriminatorio sostituire lo “Stepchild adoption” del figlio biologico con l’affido: “Non siamo disposti a tollerare minimamente proposte offensive come quella contenuta nell’emendamento Lepri e Fattorini, che vorrebbe degradare la possibilità di una parte dell’unione civile di adottare il figlio biologico del partner ad un mero affido speciale. Ci sembra degradante non voler riconosce quelle che a tutti gli effetti sono vere e proprie famiglie ed ostinarsi invece a creare genitori e figli di serie B”.

Marco Tosarello

About Samantha Lombardi 4028 Articoli
Samantha Lombardi è un archeologa, laureata in Archeologia e Storia dell'Arte del Mondo Antico e dell'Oriente. Cura un sito che parla del patrimonio artistico (www.ilpatrimonioartistico.it), collabora con l'Ass. Cul. Il Consiglio Archeologico ed è addetta stampa dell'Ass. di Rievocazione Storica CVLTVS DEORVM. Dal maggio del 2014 collabora con Il tabloid.it