7 dicembre 2016

Cassino – Presunto stalker fermato e denunciato dai Carabinieri

A Cassino, i militari del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia, a seguito di un servizio per il controllo del territorio in occasione del mercato settimanale, effettuato in particolar modo all’uscita della Stazione Ferroviaria, volto ad intercettare soggetti provenienti dalla vicina Campania, procedevano a fermare un cittadino italiano sceso da un treno proveniente da Napoli, il cui atteggiamento appariva da subito sospetto agli occhi degli operanti.

L’uomo, infatti, fermatosi all’uscita della Stazione, intraprendeva una telefonata con il proprio cellulare, assumendo sempre più un tono alterato mentre conversava con il proprio interlocutore. Immediatamente fermato, gli operanti accertavano che si trattava di un 38enne residente nella provincia di Messina, il quale non forniva una versione plausibile circa la sua presenza in quel centro. Alla luce di ciò, poiché manteneva un atteggiamento sempre più nervoso, sottoposto a perquisizione personale veniva trovato in possesso di un coltello e di una lama, custoditi nella tasca anteriore del jeans. Dal successivo esame del suo cellulare e delle ultime chiamate si appurava che aveva inviato recentemente alcuni messaggi minacciosi all’indirizzo di una donna.

Dopo qualche ritrosia, il 38enne, sempre più esagitato, spiegava ai militari il motivo per cui si trovava a Cassino, ovvero incontrare la sua ex compagna, destinataria dei suddetti messaggi.

Nel corso degli accertamenti, poiché il predetto annoverava, tra l’altro, alcuni precedenti specifici, al fine di chiarire esattamente i motivi della sua venuta in quel centro, veniva invitata l’ex compagna in quella caserma al fine di ricostruire esattamente la storia.

La donna di 48 anni, inizialmente reticente, messa poi davanti all’evidenza, raccontava che da poco, anche per la notevole distanza che li separava, aveva deciso di mettere fine alla loro relazione, ma l’uomo non si era rassegnato al fatto di essere stato lasciato. Quindi, da quel momento, l’ex compagno aveva iniziato a tempestarla di chiamate inviando sms sempre più offensivi e, per ultimo, anche minacciosi, promettendo che l’avrebbe raggiunta a Cassino per chiarire personalmente la vicenda. Quest’ultima, nonostante ciò, non intendeva sporgere denuncia nella convinzione che la venuta dell’ex compagno a Cassino fosse solo finalizzata ad un chiarimento tra i due.

Gli operanti, pertanto, dopo aver denunciato allo Autorità l’uomo per porto illegale di arma e sequestrato il coltello e la lama, lo riaccompagnavano presso quella Stazione ferroviaria dove prendeva il primo treno utile per far ritorno in Sicilia.

About Samantha Lombardi 4027 Articoli
Samantha Lombardi è un archeologa, laureata in Archeologia e Storia dell'Arte del Mondo Antico e dell'Oriente. Cura un sito che parla del patrimonio artistico (www.ilpatrimonioartistico.it), collabora con l'Ass. Cul. Il Consiglio Archeologico ed è addetta stampa dell'Ass. di Rievocazione Storica CVLTVS DEORVM. Dal maggio del 2014 collabora con Il tabloid.it