6 dicembre 2016

MotoGP – Motegi, il report dell’Aprilia Racing Team Gresini

Le condizioni meteo, con la pioggia caduta per tutta la notte, al mattino e lievemente durante la gara, hanno condizionato la corsa dell’Aprilia Racing Team Gresini. Dopo le migliori qualifiche della stagione con Bradl in tredicesima posizione e Bautista in sedicesima posizione, ma soprattutto col bel passo gara messo in mostra nei due giorni di asciutto, era lecito attendersi una lotta per i punti per entrambi i piloti. La pista bagnata ha cambiato tutti i riferimenti e costretto Alvaro e Stefan a una gara molto impegnativa. Alvaro alla fine ha trovato il suo passo ma, in difficoltà con le gomme, non è riuscito a forzare per entrare in zona punti. Stefan è stato autore di un fuori pista dopo pochi giri dal via che lo ha costretto a condurre una difficile gara in rimonta che si è fermata al diciottesimo posto.

Alex De Angelis rimane sotto osservazione dopo il rovinoso incidente delle qualifiche. Clicca qui per saperne di più.

ROMANO ALBESIANO (Responsabile Aprilia Racing)

“Quello di Motegi è stato un weekend positivo fino alle qualifiche sull’asciutto che ci hanno portato alla migliore prestazione in prova di tutto l’anno. In gara abbiamo dovuto affrontare condizioni di bagnato e misto che hanno limitato la nostra performance. E’ accaduto sin dalla partenza che, in questa stagione, è stata sempre un momento favorevole alla nostra moto. Ma anche questo fa parte dell’esperienza, per esempio sul set up della ciclistica e a livello elettronico, che andiamo via via acquisendo”.

FAUSTO GRESINI (Team Manager)

“Dopo i buoni risultati in prova, oggi speravamo di ottenere di più, è evidente. In realtà, invece, non siamo riusciti a essere altrettanto incisivi sul bagnato. Va detto che Stefan si trovata a suo agio e avrebbe potuto raccogliere un buon piazzamento, ma la sua gara è stata condizionata da un errore che lo ha portato a compiere un’escursione fuori pista. Bautista invece non aveva molto feeling con la moto nelle prime fasi, anche se in seguito la situazione è migliorata. È stata una gara difficile e, come tutti in queste condizioni di asfalto, abbiamo avuto problemi a gestire le gomme”.

ALVARO BAUTISTA

“Alla vigilia della gara ero contento di come eravamo messi, e anche il warm up bagnato del mattino, fatto con la gomma soft, non era andato male. Ma per la corsa la pista era diversa, non completamente bagnata e in questa condizioni abbiamo scelto di montare la copertura più dura. Nei primi giri non ho trovato il feeling, poi le sensazioni sono un po’ migliorate ma non mi sono mai sentito a posto come al mattino. Così mi sono dovuto trovare un ritmo e tenere quello ma negli ultimi dieci giri, quando l’asfalto era sempre meno bagnato, la situazione è peggiorata ancora con l’anteriore che chiudeva e molto spin al posteriore in apertura gas. Non è stata la gara che mi aspettavo dopo un bel weekend come questo”.

STEFAN BRADL

“All’inizio della gara mi sentivo a mio agio sulla moto e stava andando tutto bene, dopo un paio di giri sentivo che potevo gestire più potenza, così ho diminuito l’intervento del traction control. Dopo qualche altro giro però la gomma posteriore è calata ed è stato necessario regolarlo nuovamente, per aumentarlo. Nel tentativo di premere il pulsante il mio pollice è finito accidentalmente su quello che inserisce il limitatore di velocità per la pit lane. In staccata l’assenza di freno motore mi ha fatto andare dritto nella via di fuga e nell’escursione fuori pista ho perso molto tempo. Quando me ne sono accorto ho ripremuto il pulsante e sono ripartito, ma a quel punto la mia gara era compromessa”.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5958 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.