11 dicembre 2016

MotoGP – Motegi, Pedrosa fa “50”, Valentino allunga…

Il veterano della Honda compie una gara capolavoro, il Dottore coglie punti pesanti in ottica Campionato.

Il Twin Ring di Motegi ha regalato un’altra edizione indimenticabile per gli appassionati delle due ruote. A cominciare dallo scherzo delle condizioni meteo che, dopo due giornate di sole e temperature ideali, questa mattina avevano consegnato un brusco risveglio caratterizzato da pioggia, nebbia e freddo.

Conseguenza: warm up ritardati e gare delle categorie minori ridotte. Nella classe regina inoltre, ancora una volta le condizioni miste di asciutto/bagnato hanno stravolto i piani di piloti e team; in questo scenario il miglior a interpretare la pista si è confermato Dani Pedrosa (Repsol Honda).

Il veterano della HRC, una vita passata in sella alla Honda, ha regalato alla Casa dell’ala dorata la vittoria più attesa della stagione e per giunta sul tracciato di sua proprietà. Per il pilota di Sabadell, bravo a venir su nella seconda parte di gara superando i rivali delle Yamaha che sembravano essersi involati, si tratta della 50ª affermazione della sua carriera.

Non funge dunque come ‘ago della bilancia’ per le sorti del mondiale come invece era accaduto ad Aragon, perché ci ha pensato Valentino Rossi (Movistar Yamaha MotoGP) a regolare il compagno di squadra e diretto rivale Jorge Lorenzo. Scattato benissimo, il Dottore è stato superato dopo pochi metri dal maiorchino il quale a sua volta, dopo un primo tentativo di fuga, si è visto costretto a subire il ritorno del pesarese per il consumo eccessivo degli pneumatici.

Tradotto in punti: altre 4 lunghezze guadagnato e un vantaggio incrementato complessivamente a +18 su Lorenzo quando mancano ormai tre gare al termine del Campionato. In classifica, grazie al secondo posto di Aragon e alla vittoria di Motegi, Dani Pedrosa compie un balzo di ben 3 posizioni, attestandosi in quarta posizione assoluta ai danni di Iannone, Smith e Dovizioso.

Eccezion fatta per la prestazione del forlivese, quinto in gara dietro il convalescente Marc Marquez (rallentato dall’infortunio alla mano), il GP del Giappone si è rivelata una tappa poco felice per la Ducati: al settimo giro infatti la GP15 ha appiedato Andrea Iannone, autore fino a quel momento di un bel duello contro Marquez; due tornate più tardi invece Danilo Petrucci ha dovuto salutare la compagnia per una scivolata alla Curva 7.

Per il pilota di Terni si tratta del secondo ritiro, tra l’altro consecutivo, della stagione. Ad approfittarne è stato l’inglese Cal Crutchlow (LCR Honda) che, dopo essersi sbarazzato della Desmosedici di Petrux, ha messo nel mirino la M1 del connazionale Bradley Smith (Monster Yamaha Tech3) avendo la meglio nel finale e chiudendo come miglior pilota satellite.

Belle sorprese nella Top 10 chiusa da un altro pilota britannico, Scott Redding (Estrella GAlicia 0,0 Marc VDS), orfana delle GSX-RR di Maverick Viñales (SUZUKI ECSTAR) scivolato quando occupava provvisoriamente la nona posizione e del suo team-mate Aleix Espargarò, autore di un lungo sulla ghiaia che l’ha costretto ad accontentarsi dell’ 11ª posizione finale.

Bisogna infatti porre l’accento sull’ottavo posto assoluto conquistato dalla wild –card Katsuyuki Nakasuga (Yamaha Factory Racing) in pista con la ‘M1 laboratorio’, e sulla nona posizione di Hector Barberà (Avintia Racing), sempre più leader della categoria Open.

Fuori dalla zona-punti dopo delle prove promettenti le due RS GP di Alvaro Bautista e Stefan Bradl. Tra i ritiri eccellenti, dobbiamo segnalare anche quelli di Loris Baz (Forward Racing), Jack Miller e Pol Espargarò. Ma non c’è tempo di pensare al passato: tra 7 giorni c’è il Gran Premio d’Australia a Phillip Island!

Fonte: MotoGP.com

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 6000 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.