8 dicembre 2016

MotoGP, Motegi: la pagella del Dicos

DANI PEDROSA 9,5: Il fantino di Sabadell omaggia alla Honda il successo sul tracciato di casa e regala a se stesso una vittoria perentoria. Quando mancano quattordici tornate dal termine fulmina Dovizioso. Tempo cinque giri e a cedergli la posizione è Rossi. Giusto il tempo di due passaggi e la vetta è sua. Vederlo danzare sull’asfalto giapponese viscido, se si pensa all’inizio stagione, è un inno alla caparbietà e al talento. In Dani entrambe le qualità non sono mai mancate. E’ stato anche abile nel non cadere vittima degli occhi di strani volatili, incrocio tra gufi e canarini, che quando era ancora tra la terza e seconda posizione hanno gufcinguettato alla grande. Per la cronaca, una volta al comando i loro occhi si sono spostati sul numero 99. Applausi!

VALENTINO ROSSI 9: Mister 9 volte, prossimo Mister 2×5, è autore di una prova intelligente, in stile ragioniere. Nelle fasi iniziali prova ad inseguire il compagno di squadra, ma capisce che in quelle condizioni è inutile rischiare; non è lui a dover recuperare. Nelle fasi finali, quando subisce l’azione di Pedrosa, alla ragioneria si aggiungono i fattori g e c. G come gestione degli pneumatici, c come quel fattore che aiuta gli audaci. Nello sport, come nella vita, il fattore c è un elemento fondamentale. Tra una settimana il circus gareggerà in Australia dove lui ha vinto tanto. Fortunelbravo!

JORGE LORENZO 7: Il maiorchino per tre quarti di gara è magnificamente veloce. Le gare, però, come amava ricordare Boskov “finire quando tu tagliato traguardo” e Jorge è passato dal sogno della vittoria e del recupero in classifica all’incubo di un doppio sorpasso e dell’allungo di Rossi. Gli pneumatici non vogliono sapere più di correre veloci e rallentano l’azione della sua M1. C’è chi dice che sia stata solo colpa sua, perché li ha strapazzati oltremodo nei primi giri. Altri evidenziano che a consumarsi sono gli pneumatici di tutti tranne che di uno. Lui chiarisce il tutto quando dice “Forse ho pagato caro il fatto di aver spinto forte all’inizio e il mio pneumatico anteriore si è consumato più di quello di Dani e di Valentino. Quando il tracciato si è asciugato non ho potuto seguirli….”. Ricordate il fattore c? Non vale solo per l’infortunio alla spalla…..Sfortunello!

MARC MARQUEZ 7: La sua prestazione è influenzata dall’infortunio patito nei giorni scorsi. Una gara di rimessa che vede nel sorpasso sul Dovi il punto più alto. Forza!

ANDREA DESMODOVI 6,5: La quinta piazza meriterebbe, di solito, un voto in più. Quando passi, però, dalla lotta per il podio a 35 secondi dal primo, beh, qualche demerito l’hai. Certo le altre Ducati si sono fermate o sono naufragate, ma dall’ufficiale Dovi mi aspetto un pochino di mordente in più. Andiamo!

HONDA: Vince senza essere la migliore.

YAMAHA: Nonostante è la migliore, perde.

DUCATI: Una noia al di là delle noie tecniche.

SUZUKI: Lontana.

APRILIA: Lontana lontana….

ITAGLIANO: “Se dovrebbe”.

LO SCONFORTO: “Lorenzo è finito!”.

RISPETTO GAUDENTE URLANTE: “L’ha superato!”.

IL GIARDINIERE: “Gara essiccata”; io aggiungerei anche “secciata”.

HASHTAG: #menobavettapiùcondizionale.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5982 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.