10 dicembre 2016

Rilevazioni Auditel nel mirino di Codacons

Person watching TV, using remote control to change channel, cropped

Da tempo l’Auditel e le sue rilevazioni sono nel mirino del Codacons, che ha presentato più di una denuncia contro la società. Lo afferma l’associazione dei consumatori, commentando l’incidente svelato oggi dal Corriere della Sera, e attribuito dall’azienda ad un errore nell’invio di una mail.
“Ancora una volta l’Auditel torna al centro dell’attenzione – spiega il presidente Carlo Rienzi – Già negli anni passati fummo costretti a presentare una denuncia per il caso di una diretta su Raiuno del 15 luglio 2000: in quella circostanza un temporale fece interrompere il collegamento di uno spettacolo di Katia Ricciarelli, e per 15 minuti la Rai mandò in onda il segnale orario. Il giorno seguente Auditel certificò che in quel quarto d’ora ben 3 milioni di telespettatori erano sintonizzati su Raiuno. Nel 2005, invece, il Codacons appoggiò la denuncia dei canali satellitari, che contestavano alla società di non rilevare correttamente i loro dati di ascolto e non fornire alcun elemento per accertare la correttezza e la congruità del campione”.
“Il sistema Auditel è a nostro avviso superato – prosegue Rienzi – e non si può garantire terzietà e totale imparzialità quando controllori e controllati sono la stessa persona. Basti pensare che tra i soci dell’Auditel compaiono Rai, RTI e La7”.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5989 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.