4 dicembre 2016

Il venerdì di Motegi nel segno di Lorenzo

Nonostante l’infortunio alla spalla, il maiorchino della Yamaha mette tutti in riga e domina la prima giornata.

Come inizio, non c’è male! Ironia a parte, Jorge Lorenzo (Movistar Yamaha MotoGP) ha lasciato tutti di sasso per la velocità e la costanza. Dopo l’infortunio alla spalla di sabato scorso, in molti si aspettavano dal maiorchino un atteggiamento più prudente; invece Por Fuera è sceso in pista determinato e attaccando l’asfalto sin dai primi metri.

Così, forse nell’unica maniera che egli conosce, Lorenzo si è messo in testa alla classifica dei tempi nella prima giornata al Twin Ring di Motegi, impressionando specialmente nel quarto settore, dove ha saputo fare la differenza. Soprattutto il Martillo ha voluto lanciare un segnale forte a i suoi avversari e in particolare al suo rivale nella corsa al titolo, Valentino Rossi.

Il leader della classifica iridata, che guida con un margine di 14 lunghezze, dopo un primo turno mattutino concluso in terza posizione, non è riuscito a replicare le sue performance nella seconda sessione pomeridiana, chiudendo 8º assoluto a oltre otto decimi dal suo compagno di squadra, addirittura dietro il convalescente Marc Marquez (Repsol Honda).

Il Campione del Mondo in carica infatti è arrivato a Motegi in condizioni rimaneggiate in seguito alla caduta durante un allenamento in bici che gli è costata la frattura della mano: i suoi 2 settimi posti di oggi hanno evidenziato che il talento di Cervera non è giunto a questo appuntamento completamente recuperato.

Chi invece può festeggiare è il suo connazionale e team-mate, Dani Pedrosa. Galvanizzato anche dal risultato ottenuto in quel di Aragon, con lo strepitoso corpo a corpo vinto contro Valentino, il pilota di Sabadell ha tirato fuori gli artigli, insidiando da vicino il leader della giornata.

A cavallo della ‘prima fila virtuale’, sorride anche il Ducati Team, bravo a piazzare entrambe le sue GP15 ufficiali nei piani alti della classifica. A far meglio tra i due ‘Andrea’ è stato l’abruzzese Iannone, già in evidenza nelle FP1 col secondo crono assoluto dietro Lorenzo; nel pomeriggio il pilota di Vasto ha aggiustato il tiro al setting, scendendo ulteriormente e chiudendo in terza posizione.

Dovizioso è lì, ad appena 16 millesimi, con un interessante balzo in avanti compiuto nelle FP2, che gli ha permesso di precedere la M1 di Bradley Smith (Monster Yamaha Tech3), ancora una volta miglior pilota satellite del lotto. Aleix Espargarò (SUZUKI ECSTAR) è bravo a piazzare la sua GSX-RR lì davanti ai pluri-titolati Marquez e Rossi.

Il pilota della casa di Hamamatsu ha fatto meglio di suo fratello minore, Pol, nono davanti al connazionale Hector Barberà (Avintia Racing) che in sella alla Desmosedici Open è il primo rappresentante della sua categoria.

Il valenziano chiude la Top 10 e al tempo stesso è l’ultimo pilota a rientrare nel gap di 1” dal leader della giornata. Tra le wild card, l’alfiere del team HRC, Takumi Takahashi, conclude in 18ª posizione; cinque posti più indietro si piazza Katsuyuki Nakasuga che sulla M1 ‘laboratorio’ ha mostrato un’inedita presa del carburante sulla coda.

La classe regina tornerà in pista domani alle 09:55 locali (le 02:55 in Italia) per la terza sessione di Prove Libere; quindi le FP4 di rifinitura che faranno da preludio ai due turni da 15 minuti delle Q1 e delle Q2 (07:10 e 07:35 italiane) che decideranno la griglia di partenza del Motul Grand Prix of Japan 2015.
Fonte: MotoGP.com

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5941 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.