4 dicembre 2016

Bombardamenti Kunduz, il drammatico racconto di Gabriele Eminente a Radio Cusano Campus

Gabriele Eminente, Direttore generale di Medici Senza Frontiere, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Il mondo è piccolo”, condotta da Fabio Stefanelli, su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it), per commentare l’episodio dei bombardamenti degli aerei americani che hanno colpito il centro traumatologico di Medici senza frontiere a Kunduz, nel nord est dell’Afghanistan.

“E’ stato vero e proprio attacco –ha spiegato Eminente- perché nonostante il fatto che qualche giorno prima dei bombardamenti avessimo dato le coordinate del nostro ospedale, nonostante avessimo avvisato subito di aver subito un primo attacco, i bombardamenti sono continuati per oltre un’ora. Purtroppo c’è una deriva pericolosa, per cui gli attacchi non si preoccupano di evitare di colpire i civili. Questa deriva è in parte motivata da situazioni abbastanza diffuse: i conflitti in cui sono coinvolti attori non statali che non si riconoscono nella Convenzione di Ginevra. E laddove attori, che invece hanno riconosciuto la Convenzione di Ginevra, con le loro azioni spingono sempre oltre il limite di quello che è tollerato e quello che non dovrebbe essere fatto. Alla fine della storia magari arrivano pure le scuse, ma arrivano dopo che un ospedale è stato distrutto e 22 persone sono morte”.

“Chiediamo –ha affermato Eminente- che qualcuno ci spieghi cosa sia successo a Kunduz, e chiediamo che questo qualcuno non sia una parte in causa, cioè il governo americano, il governo afghano o l’Onu. Chiediamo che a condurre questa indagine sia una parte indipendente, imparziale, trasparente. A nostro avviso potrebbe essere la Commissione IHFFC che si occupa di analizzare eventi analoghi a questi nell’ambito del sistema umanitario internazionale. Questa Commissione è riconosciuta al momento da 76 paesi nel mondo e può essere attivata da almeno uno dei 76 paesi, tra cui l’Italia. Noi abbiamo richiesto che si attivi. Vogliamo sensibilizzare i governi di tutti quei paesi a fare propria questa vicenda”.