8 dicembre 2016

Tor Bella Monaca, i cittadini di via Camassei: “Noi ostaggi dello spaccio, i blitz servono a poco”

Da Radio Cusano Campus un vero e proprio viaggio in Via Camassei, il fortino della droga a Tor Bella Monaca, la piazza di spaccio più grande del Lazio. Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio, conduttori del format ECG Regione, in onda su Radio Cusano Campus, l’emittente dell’Università degli Studi Niccolò Cusano, hanno raccolto le voci e le testimonianze disperate di alcuni tra gli abitanti di Via Camassei, ostaggio di degrado, criminalità e spacciatori.

“Io a voi giornalisti non dico proprio niente, già una volta ho fatto una denuncia, sono finito sul giornale e non solo non è cambiato niente, ma poi se la sono presa anche con me. Ho subito diverse ritorsioni per aver raccontato alla stampa cosa accade qui. Mi spiace, non parlo”, dice un anziano esasperato a cui tremano le mani. “Qui è tutto uno schifo, ormai è tutta Roma che va male”, gli fa eco una signora, che aggiunte: “Qua spacciano a qualsiasi ora del giorno e della notte, io non esco mai dopo una certa ora e per fare qualunque cosa mi faccio accompagnare da mio marito”.

Una madre è disperata ma rivendica con orgoglio: “Crescere mio figlio davanti a quello che ogni giorno vediamo semplicemente affacciandoci dalla finestra o uscendo di casa è stato difficilissimo. Qua si barricano nei palazzi, è pieno di spacciatori, uno ha provato a chiedermi di potersi appostare sulla mia finestra, ma io gli ho detto di no. Denunciare? Ho paura, io qua ci devo vivere. Però voglio dire una cosa: qua a Tor Bella Monaca c’è anche tanta gente onesta, che vive dignitosamente e lavora. E quando si legge che durante i blitz in cui la polizia arresta qualche spacciatore, la gente scende in casa per rivoltarsi, non è vero. Magari a fare resistenza sono i familiari o gli amici degli arrestati, ma noi gente per bene siamo con la polizia. Anzi, certe cose dovrebbero avvenire più spesso”.

Gli abitanti di Via Camassei, però, non hanno molta fiducia nelle forze dell’ordine: “Certi blitz non servono a nulla, perché arrestano due o tre pesci piccoli ma non cambia mai niente. Qua la manovalanza criminale è enorme. Servirebbe una reazione sociale, non solo operazioni di polizia che a volte rischiano di essere più mediatiche che altro”.

Un ragazzo racconta: “Certe volte gli spacciatori si barricano dentro ai palazzi per sfuggire agli arresti e per uscire di casa dobbiamo chiedere una sorta di permesso. Una volta hanno nascosto dosi di cocaina nella cassette delle lettere. Da quel momento in poi la polizia ce le ha distrutte e ancora oggi nel mio palazzo non c’è una cassetta delle lettere. Non puoi denunciare, qua vincono sempre loro. Facile dire che bisogna denunciare quando poi si vive altrove. Io ogni sera qua ci devo tornare a dormire”. Gli fa eco una sua coetanea: “Ma qua nessuno riesce a vincere contro lo spaccio, pretendete che uno prenda e denunci tutti da solo? Così poi oltre a vivere in mezzo agli spacciatori magari rimane pure invalido”.

About Samantha Lombardi 4027 Articoli
Samantha Lombardi è un archeologa, laureata in Archeologia e Storia dell'Arte del Mondo Antico e dell'Oriente. Cura un sito che parla del patrimonio artistico (www.ilpatrimonioartistico.it), collabora con l'Ass. Cul. Il Consiglio Archeologico ed è addetta stampa dell'Ass. di Rievocazione Storica CVLTVS DEORVM. Dal maggio del 2014 collabora con Il tabloid.it