8 dicembre 2016

Fondi – Il Festival poetico “verso Libero”lascia il segno

Domenica 4 ottobre 2015 il Premio di Poesia “Solstizio” alla Carriera è stato consegnato a Rodolfo Di Biasio, maestro ed amico di Libero de Libero, al quale l’associazione omonima ha dedicato la seconda edizione del Festival poetico “verso Libero”. Il professor Di Biasio, originario di Ventosa ma che vive a Formia, è stato introdotto da una ricognizione della sua opera a cura di Domenico Adriano e aveva aperto il Festival con una lectio magistralis all’Istituto “Libero de Libero” venerdì 2 ottobre davanti a 250 ragazzi.

Di Biasio, la cui opera poetica centrale può considerarsi «Patmos» del 1995, è stato direttore responsabile, dal 1969 al 1982, delle riviste nazionali «L’Argine Letterario» e «Rapporti», mentre dal 1978 al 1999 la RAI ha trasmesso serie di suoi sceneggiati di argomento storico-letterario nelle trasmissioni radiofoniche “Il Paginone” e “Lampi” dirette da Giuseppe Neri. Il suo romanzo di maggior successo, “I quattro camminanti” (1991) narra la vicenda corale di quattro fratelli emigranti in America: storie di ordinaria emigrazione, pagine premonitrici. È inserito in antologie negli USA, in Spagna, in Francia e in Messico; sue poesie sono state tradotte anche in Grecia e in Russia. Considerato da molti un modello di scrittore autonomo rispetto alla potente editoria del nord, Rodolfo Di Biasio ha visto la sua opera analizzata dai migliori critici accademici e militanti del periodo 1970-2000, con una mole di oltre 400 titoli di bibliografia, oltre a una trentina di premi internazionali. Insieme ad Achille Serrao e il triestino Fabio Doplicher, Di Biasio rappresenta il vertice di una scrittura poetica e narrativa che ha saputo imporsi nonostante il passare delle mode e delle neoavanguardie.

Per il Premio di poesia “Solstizio” all’Opera Prima, invece, hanno trionfato al primo posto ex-aequo Clery Celeste, autrice de “La traccia delle vene” (Lietocolle-Pordenonelegge), e Gabriele Gabbia, che ha firmato il volume “La terra franata dei nomi” (L’arcolaio). Erano presenti alla serata finale di premiazione anche Davide Tartaglia, terzo classificato con “Figure del congedo”, e Carmen Gallo, quarto posto con “Paura degli occhi” (assente il quinto classificato, Valerio Nardoni con “Senso di facilità”).

Gabriele Gabbia vive a Brescia ed è iscritto alla facoltà di Filosofia dell’Università degli Studi di Verona. Nel 2011 ha pubblicato la sua opera prima, dove – scrive il suo prefatore Germani – «penetra nel frammento, nella sua voce scissa eppure ineluttabile, attraversata da profonde tensioni endogene. Il misterioso epicentro della “frana”, della forza tellurica che ci consegna questi testi, risiede in quell’altrove della scrittura che è all’origine di ogni scrittura, in quel baratro, in quell’abisso da cui cercano di risalire i versi nella loro indifesa, implacabile nudità». Clery Celeste è invece originaria di Forlì e «con voce ferma, pacata, incisiva, – si legge nella prefazione al suo libro – ci porta dove davvero è comune la vita, in tutti i sensi della parola, dove siamo più simili, dove possediamo le stesse cose. Ci porta dentro la pietà senza mai essere pietosa. Ci porta dentro l’affetto senza mai essere affettata». È poetessa e tecnico di radiologia.

La cerimonia di consegna del premio, consistente in denaro e in una scultura artistica realizzata appositamente da Manuel De Cicco, è avvenuta nel chiostro di San Domenico con presente buona parte della giuria 2015, ovvero Davide Rondoni, Milo De Angelis e Francesco Iannone (assente solo Claudio Damiani, protagonista all’apertura del Festival), vincitore della scorsa edizione del Premio “Solstizio”; fondamentale è stato l’apporto della Bnca Popolare di Fondi che ha sostenuto economicamente l’iniziativa. Si è chiusa infine con lo spettacolo teatrale “Binario 2: sotto la panca la capra crepa” di Pasquale Passaretti con Luigi Morra la serata e anche la seconda edizione del Festival poetico “verso Libero” aperta venerdì scorso con la performance di Serina Stamegna sul testo inedito “La via dell’acqua (camminando nella piana di Fondi)”: un bel successo di pubblico e di critica.

Grande curiosità ha infine destato il lavoro dell’artista Pino Roscigno, che si firma “Greenpino”. Originario di Salerno, ha lavorato ad un murales nell’anfiteatro della città di Fondi per cinque giorni, sfidando anche condizioni meterorologiche molto avverse. L’opera finale, nel suo lavoro e nella sua bellezza, rende giustizia alla mole di lavoro sostenuta, su suggerimento dell’associazione culturale “Libero de Libero”. Il poeta de Libero, infatti, ha ora anche un luogo pubblico in cui essere letto davvero da tutti, dai più piccoli curiosissimi fino agli anziani che magari ancora ricordano i suoi trascorsi fondani.

Un bilancio molto positivo quello della seconda edizione del Festival poetico “verso Libero” negli spazi concessi dal Parco dei Monti Ausoni e Lago di Fondi, già pregustato nella serata di apertura all’aditorium di San Domenico (concesso dal Comune di Fondi), dove l’attrice Serina Stamegna ha messo in scena il testo poetico di Claudio Damiani dal titolo “La via dell’acqua (Camminando nella piana di Fondi)”. Un testo che ha conquistato i presenti, tra il fascino della scienza e la bellezza dei luoghi evocati. Pubblico che ha seguito con interesse l’intero percorso della giornata, snodatosi poi tra inaugurazione della mostra fotografica di Franco De Luca nella sala “Giuseppe De Santis” con annessa performance “StraLunata” di Stefania Romagna e concerto dei Camera (da un’idea di Luigi Morra, regista della performance con Stamegna). Il pubblico ha dato prova di saper accogliere la poesia anche negli altri appuntamenti di sabato 3 ottobre scorso, dall’inaugurazione della biblioteca della poesia “Libero de Libero” con proiezione del documentario Rai Teche “Gli approdi di de Libero” (S. Palumbieri, 2013) all’incontro con Nicola Bultrini su Ungaretti nella I Guerra Mondiale; la giornata è culminata nel toccante intervento di due voci uniche nel panorama poetico contemporaneo: Silvia Bre e Milo De Angelis. Domenica 4 ottobre, oltre alla già citata cerimonia di inaugurazione, spazio ad una visita della città di Fondi con letture poetiche e presentazione del libro “E se brucia anche il cielo” di Davide Rondoni, narratore e poeta.

About Giovanni Soldato 2964 Articoli
Giovanni Soldato, specialista della fotografia.... secondo lui, ottima penna sia in ambito sportivo ma soprattutto nell'ambito dei motori. Nato a Barberino del Mugello appena ha tempo mette le due ruote in pista. Collaboratore de Il Tabloid cura la provincia di Latina, le notizie nazionali e dall'estero.