10 dicembre 2016

Calcio – Racing Club, Millaci: “La nostra Scuola calcio? Educazione, divertimento e istruzione”

Il Racing club sta crescendo a vista d’occhio dall’avvento del presidente Antonio Pezone. E col tempo, la Scuola calcio è divenuta certamente uno dei fiori all’occhiello della compagine della Pineta dei Liberti. E’ il dirigente responsabile Salvatore Millaci a fare la presentazione delle attività stagionali. «Mi preme esprimere anche pubblicamente, innanzitutto, il mio orgoglio e il mio onore nell’essere stato confermato dal Racing in questo delicato ruolo e di poter lavorare anche quest’anno al fianco del direttore sportivo, nonché direttore tecnico della Scuola calcio Marco Ridolfi, e da qualche giorno di potermi relazionare con un grande dirigente del mondo del calcio nazionale come il coordinatore tecnico Nello De Nicola. I punti fondamentali che seguiamo per il lavoro sui nostri piccoli atleti sono tre: l’educazione, il divertimento e l’istruzione. Anche quest’anno abbiamo registrato un aumento degli iscritti che ha determinato al tempo stesso un incremento dei tecnici, tutti qualificati, che fanno parte dello staff. Questo perché al Racing si tiene molto alla crescita di questi bambini e non si bada alla mera quantità, ma ad un lavoro di qualità. Abbiamo iniziato da qualche tempo a seguire questa strada, contando su una struttura logistica di primo livello grazie agli sforzi prodotti dalla società, sulla squisita disponibilità della nostra segreteria, sulla professionalità del nostro staff e sulla cortesia degli addetti ai lavori quali magazzinieri e custodi. La programmazione didattica annuale – continua Millaci – punterà fortemente sulla tecnica di base e sulla coordinazione e l’obiettivo primario sarà sempre la prestazione, vale a dire la messa in pratica di ciò che si studia durante la settimana, e mai il mero risultato che non conta nulla a questi livelli». La Scuola calcio del Racing conterà su un vero e proprio plotone di gruppi: ce ne saranno tre di Esordienti 2003 (di cui uno giocherà sotto età e fuori classifica nei Giovanissimi), tre di Esordienti 2004, quattro di Pulcini 2005, due di Pulcini 2006, quattro di Pulcini 2007 e tutto il settore dei Piccoli Amici. «Concludo sottolineando che abbiamo introdotto una politica di collaborazione coi giocatori della nostra prima squadra, militante in Promozione, che supporteranno i tecnici qualificati di alcuni di questi gruppi» dice Millaci. Il futuro del Racing sembra davvero in cassaforte.