6 dicembre 2016

Futsal – Serie A2, Futsal Isola, Arribas: “Vittoria del cuore, noi squadra vera”

Il capitano esulta: “Tifosi ineguagliabili, senza di loro non ce l’avremmo fatta. Rubei? Una leggenda”

Capitano, bandiera, simbolo di una città. Gustavo Arribas s’è preso la Futsal Isola e Fiumicino sette anni fa. Gli avevano chiesto il miracolo: portare da capitano l’altra parte della città nel futsal che conta, in serie A. Tutta la trafila: C, poi la B. L’impresa dello scorso anno, con la serie A1 sfiorata. Lacrime e sudore. Come quelle del post Augusta. Il capitano esulta, festeggia, nasconde le lacrime dopo il finale thrilling. “Ci voleva una partita del genere per capire chi siamo e come affronteremo questo campionato. Una grande vittoria, ce l’abbiamo messa tutta, volevamo regalare una grande gioia ai nostri presidenti, allo staff ai tifosi che si sono fatti 50 chilometri per sostenerci. Sul lato tattico e della gestione della partita abbiamo sbagliato parecchio. Però abbiamo fatto emergere un altro lato del nostro carattere: il cuore, la grinta, la voglia di non mollare mai fino all’ultimo secondo. Il gruppo è quello dello scorso anno, ci conosciamo bene. I nuovi ragazzi ci hanno dato ancora maggiore carica e cattiveria agonistica. Rubei? Il suo curriculum e i suoi numeri parlano per lui. È una leggenda”. Mentre parla i tifosi gridano il suo nome. Lui saluta: “Sono ineguagliabili. Si sono mobilitati in massa per venirci a dare la carica. Con il palazzetto vuoto non sarebbe stata la stessa cosa. Sono la nostra arma in più. Catanzaro? Un’altra battaglia. Hanno allestito un’ottima rosa, giocare da loro è sempre difficilissimo, non mollano un centimetro. Noi ci metteremo l’anima”.