6 dicembre 2016

Ferentino – La sede del giudice di pace ammessa alla procedura di ripristino

La sede del Giudice di Pace di Ferentino è stata ammessa alla procedura di ripristino. Passaggio obbligato, affinché l’ufficio possa continuare a svolgere le sue funzioni nella città gigliata. Ma non è solo questa la buona notizia: il Giudice di Pace di Ferentino allargherà il suo bacino di competenza anche alle città limitrofe, con le importanti ricadute che il maggiore afflusso di presenze nell’ufficio potrà avere sull’economia locale.

È questo il risultato di una lunga azione politica e amministrativa che ha visto impegnato il Comune, guidato dal sindaco Antonio Pompeo, e che si è sostanziata nella redazione degli atti necessari per essere ammessi alla procedura, ma soprattutto nell’attenzione costante nel seguire l’iter presso il Ministero della Giustizia – Dipartimento dell’Organizzazione Giudiziaria, del Personale e dei Servizi.

Un’azione realizzata di concerto con il senatore Francesco Scalia, che in sede di approvazione della legge di stabilità, si era speso nel presentare proposte emendative per riaprire i termini del decreto legislativo 156/2012, appunto quello che riorganizzava la dislocazione degli uffici del Giudice di Pace sul territorio.

È stato proprio il Ministero della Giustizia, attraverso il Dipartimento dell’Organizzazione Giudiziaria, a stabilire l’elenco delle sedi ammesse a procedura di ripristino, tra le quali è presente anche quella di Ferentino.

Un ottimo successo per il sindaco Pompeo e l’intera maggioranza, che conferma un modello amministrativo fatto di attenzione alle tematiche d’interesse locale, molto bene sostanziato dall’esempio della Cittadella dello Sport, in cui assai rapida è stata la capacità di intercettare la possibilità, offerta dalla collaborazione pubblico\privato, e mettere a disposizione della comunità una nuova struttura. Un modello che mette insieme la capacità politica e la seria programmazione degli interventi. E i risultati si vedono.

Ha commentato il sindaco Pompeo: Esprimo piena soddisfazione per questa notizia, l’ufficio del Giudice di Pace non solo è stato ammesso alla procedura di ripristino, ma la struttura sarà anche potenziata, creando un ufficio a disposizione di un intero comprensorio. Questo determinerà un maggiore afflusso di presenze e ne beneficeranno anche le attività locali. Si tratta di un risultato per il quale mi sento di rivolgere un sentito ringraziamento alla struttura comunale che ha seguito la redazione degli atti necessari, al Ministero della Giustizia, che ha accolto la nostra richiesta, e al senatore Scalia, per il lavoro fatto in sede legislativa.  Ma al di là dei ringraziamenti, quello che mi preme evidenziare è che, con il mantenimento della sede, ha vinto la città di Ferentino.”

“L’ammissione dell’Ufficio del Giudice di Pace di Ferentino alla procedura di ripristino – ha aggiunto il senatore Francesco Scaliaè un’ottima notizia e dimostra quanto può essere efficace la presenza e il lavoro di un rappresentante di governo, a Roma, nelle sedi deputate, per la tutela e la crescita del territorio e per la salvaguardia delle sue istituzioni.”

About Samantha Lombardi 4017 Articoli
Samantha Lombardi è un archeologa, laureata in Archeologia e Storia dell'Arte del Mondo Antico e dell'Oriente. Cura un sito che parla del patrimonio artistico (www.ilpatrimonioartistico.it), collabora con l'Ass. Cul. Il Consiglio Archeologico ed è addetta stampa dell'Ass. di Rievocazione Storica CVLTVS DEORVM. Dal maggio del 2014 collabora con Il tabloid.it