5 dicembre 2016

Sbk alla francese: la pagella del Dicos

JONATHAN REA 10: Rapace, mai domo, il nuovo campione del mondo mette i suoi sigilli anche nel doppio round francese. Nel primo round si diverte giocando; nel secondo diverte volando. Sbaglia, a mio parere, nel non agevolare il compagno di squadra per il campionato. Un pilota non dovrebbe mai dimenticare che gareggia per un team i cui interessi devono sempre essere tutelati. Se si vince è anche grazie al suo lavoro. D’accordo i premi legati ai risultati, ma dopo che hai vinto un mondiale, dopo undici successi, pretendere altro, seppur lecito e sportivo, è roba da ingordi. Insaziabile!

TOM SYKES 8: A Magny Cours il suo polso non è stato all’altezza del potenziale della moto cavalcata. Nella prima manche subisce la straripante forza del teammate, più bravo di lui non solo nella gestione delle gomme. Risultato che un pochino lo destabilizza, insieme all’usura degli pneumatici, nella seconda manche. Spreca due grosse possibilità che la dicono lunga sul suo effettivo valore. Smarrito!

CHAZ DAVIES 8: Il ducatista di Knighton massimizza il risultato e riduce al minimo le perdite. Se in gara uno ha patito problemi in staccata e in trazione, in gara due è stato abile nel tenere a bada il rivale nella lotta per la piazza d’onore finale. Ancora una volta ha dimostrato d’essere un talento veloce ed intelligente. Bravo!

MICHAEL VAN DER MARK 7,5: L’olandese porta a casa due medaglie di legno e due manche ricche di bei sorpassi. Laddove non arriva la Honda arriva il suo coraggio; il sorpasso all’esterno su Haslam dopo il secondo semaforo mi è piaciuto molto. Un pilota arrembante che fa bene alla Sbk. Forza!

SYLVAIN GUINTOLI 7,5: Nella gara di casa fa meglio nel primo atto, quando in versione anfibio, agguanta l’ultimo gradino del podio. Nel secondo atto chiude sesto, dietro al compagno di marca e alla sua ex moto. Altalenante!

LEON HASLAM 5: Dalla gioia della superpole ai dispiaceri delle gare; passi da gambero per lui e l’Aprilia. Delusione!

KAWASAKI: La pioggia non bagna le sue polveri.

DUCATI: E’ sempre più daviesmodromica.

HONDA: Un podio non fa primavera.

APRILIA: Smarrita.

SUZUKI: Rimandata.

GARE: Mi sono divertito più nel vedere la gara della Superstock 1000….

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5944 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.