7 dicembre 2016

Calcio – Serie A, queste tutte le dichiarazioni rilasciate nel post partita di Milan-Napoli

Foto LaPresse - Spada19 settembre 2015 Milano ( Italia)Sport CalcioMilan - Palermo Campionato di Calcio Serie A TIM 2015 2016 - " Stadio San Siro "Nella foto: mister MihajlovicPhoto LaPresse - Spada19 Semptember 2015 Milan ( Italy)Sport SoccerMilan - PalermoItalian Football Championship League A TIM 2015 2016 - " San Siro Stadium "In the pic: head coach Mihajlovic

MISTER MIHAJLOVIC:
“So che è brutto dirlo, ma abbiamo perso contro la squadra più forte la differenza l’hanno fatta i loro attaccanti e la nostra difesa. Non si possono fare errori individuali soprattutto con attaccanti di questo livello. Al secondo gol è finita la partita non c’è stata la reazione. Dal punto di vista emotivo siamo deboli, troppi alti e bassi e stiamo cercando di migliorare. I ragazzi lavorano bene in settimana, ma ciò significa che dobbiamo lavorare di più. La squadra che è andata in campo penso che fosse quella migliore, perché abbiamo parecchi infortunati e ci sono poche soluzioni. I ragazzi sono dispiaciuti per questa sconfitta, erano tutti co la testa bassa negli spogliatoi come è giusto che sia. Bisogna dare merito al Napoli, che in questo momento è più forte di noi. Noi non dobbiamo perdere la fiducia e uscire da questa situazione il prima possibile e lavoreremo per farlo. Tanti nazionali non ci saranno e lavoreremo in questi giorni con i giocatori che rimangono a Milanello.”

MISTER MIHAJLOVIC (CONFERENZA STAMPA)
“C’è poco da dire. Hanno vinto i più forti. Hanno fatto la differenza i loro attaccanti e la nostra fase difensiva. Complimenti a loro, anche se nel primo tempo era stata equilibrata la gara. Abbiamo regalato un gol e siamo stati deboli mentalmente. Era già successo nell partite precedenti. Dobbiamo trovare un modo per uscire da questa situazione, confrontandoci e cercando soluzioni, tirando fuori anche dai giocatori i loro giudizi e le loro impressioni. Lavoriamo tanto, ma evidentemente non basta. Il lavoro è anche l’unica cosa che si può fare in questo momento. La squadra che abbiamo messo sul campo era la migliore che avevamo. Dopo il due a zero è mancata la reazione e comprendo e capisco che dopo le prime 4-5 giornate possa succedere. Emotivamente siamo deboli. Nel Milan l’obiettivo è stare in alto e gli obiettivi non cambiano dopo 6-7 giornate. Capisco che è difficile immaginarci in alto, ma i nostri obiettivi restano quelli. Ci sono giocatori, quelli che abbiamo preso, che sono importanti. Alcuni arrivano da campionati stranieri, altri sono giovani. So che c’è poco tempo, ma oggi nel primo tempo abbiamo fatto una gara equilibrata, poi nel secondo tempo abbiamo fatto errori che contro il Napoli non ci si può permettere. Domani riceverò sicuramente una telefonata del Presidente Berlusconi. Se mi chiederà delle spiegazioni gliele darò. L’inserimento di Cerci era l’unica alternativa offensiva che avevamo in panchina. Non ci siamo squilibrati in realtà. E’ facile parlare dopo il match. Era l’unico che avevamo in panchina offensivo. Ci siamo messi con due attaccanti e due esterni offensivi e due mediani. Non è un problema di sistema di gioco comunque. Non ci sono moduli magici con cui si vincono le partite. Avevamo poche alternative in attacco oggi. Ne abbiamo fuori due nel lungo periodo, più Mario Balotelli che si è fatto male in questa settimana. Cerci si può mettere seconda punta, ma è adattato. Quando torneranno gli infortunati, si avranno maggiori alternative, anche in corso d’opera durante la partita.Da quando sono arrivato ho lavorato sulla testa e sul campo. Ho parlato tanto con tutti loro individualmente e come gruppo. Abbiamo ragionato ed analizzato il tutto. Evidentemente non è facile. Mi aspettavo di risolvere prima le cose, ma come si sta vedendo non siamo ancora vicini alla risoluzione dei problemi. Allora bisogna lavorare ancora di più di quello che stiamo facendo. Noi facciamo anche le cose per bene, ma non basta. Dobbiamo cercare altre soluzioni. La Società come sempre prenderà la decisioni ed io le dimissioni non le do. Poi la Società farà le sue valutazioni. Non mi posso fasciare la testa comunque, bensì continuo a lavorare con la fiducia della Società. Mi aspettavo di risolvere prima questi problemi. Sono convinto di poterli risolvere, mi è già successo da altre parti e ce la posso fare anche qua. Mi serve tempo, ma non lo posso chiedere. Abbiamo sempre meno tempo, ma dobbiamo sfruttarlo al massimo quello che ci rimane. Il Napoli? Non avevo bisogno di capire di questo 0 a 4 per capire che erano forti. In avanti sono i più forti in Italia e tra i più forti d’Europa. Non ho bisogno di conferme al riguardo. Il Napoli in fase difensiva concede qualcosa, ma non abbiamo mai attaccato la profondità. Gli attaccanti volevano la palla tra i piedi e non li abbiamo messi in difficoltà non attaccando mai la profondità.
Il Napoli ha preparato la partita per pressarci alti, come noi d’altronde. Dopo il primo errore noi però non abbiamo più giocato le palle in tranquillità. Le responsabilità sono mie, come ho fatto sempre”

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5980 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.