8 dicembre 2016

Mondiale Superbike – Rea torna al successo sul bagnato di gara 1 a Magny-Cours

Sykes costretto a cedere il comando nel finale, Guintoli conquista primo podio con Honda.

Jonathan Rea (Kawasaki Racing Team), dopo un solo round di assenza, è tornato sul gradino più alto del podio in gara 1 a Magny-Cours, portando a 13 il numero di successi in stagione ed a 28 quelli in carriera. Il neo Campione del Mondo Superbike, sull’asfalto bagnato della pista francese, è stato autore di una gara tatticamente perfetta e, dopo aver riagganciato l’allora leader Tom Sykes, lo ha infilato alla curva “180°” nel corso del diciassettesimo passaggio ed ha preso velocemente il largo, tagliando il traguardo con quasi cinque secondi di vantaggio sul compagno di squadra.

Niente da fare per Sykes, che si deve nuovamente accontentare del secondo posto dopo che a tratti era apparso in grado di poter far sua la corsa. Completa il podio il pilota di casa e campione uscente Sylvain Guintoli (Pata Honda World Superbike), che mantiene così viva la sua striscia di podi consecutivi a Magny-Cours, conquistato un tanto atteso primo podio con Honda.

Quarto posto per l’altro pilota Pata Honda Michael van der Mark, autore di una prova coraggiosa che lo ha visto in grado di salvarsi con stile da una quasi caduta da highside.

Leon Camier ha avuto la meglio su Chaz Davies (Aruba.it Racing – Ducati Superbike Team) per il quinto posto, consegnando al team MV Agusta Reparto Corse il miglior risultato fino ad ora dal ritorno alle competizioni dello scorso anno.

Completano la top 10 Matteo Baiocco (Althea Racing Ducati), Alex Lowes (Voltcom Crescent Suzuki) e Leandro Mercado (Barni Racing Ducati). Undicesimo Niccolò Canepa (Althea Racing Ducati), meno a suo agio sul bagnato, a precedere il buon Gianluca Vizziello (Grillini SBK Team), quest’ultimo abile a mettersi dietro piloti del calibro di Jordi Torres (Aprilia Racing Team – Red Devils), Luca Scassa (Aruba.it Racing – Ducati Superbike Team), Ayrton Badovini (BMW Motorrad Italia) e Roman Ramos (Team Go Eleven Kawasaki), che chiude la zona punti.

Gara difficile per Leon Haslam (Aprilia Racing Team – Red Devils), chiaramente in difficoltà dopo un buon inizio della corsa e, dopo una sosta ai box, soltanto sedicesimo alla bandiera a scacchi.

Fonte: worldsbk.com

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5982 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.