8 dicembre 2016

Monsignor Charamsa: “Sono gay e ho un compagno”

Monsignor Krzysztof Charamsa scuote il Vaticano con un’intervista al Corriere della Sera: “Voglio che la Chiesa e la mia comunità sappiano chi sono: un sacerdote omosessuale, felice e orgoglioso della propria identità. Sono pronto a pagarne le conseguenze, ma è il momento che la Chiesa apra gli occhi di fronte ai gay credenti e capisca che la soluzione che propone loro, l’astinenza totale dalla vita d’amore, è disumana. Voglio che la Chiesa e la mia comunità sappiano chi sono: un sacerdote omosessuale, felice e orgoglioso della propria identità. Sono pronto a pagarne le conseguenze, ma è il momento che la Chiesa apra gli occhi di fronte ai gay credenti e capisca che la soluzione che propone loro, l’astinenza totale dalla vita d’amore, è disumana”.

E poi, le accuse all’ex Sant’Uffizio: “Omofobia paranoica. Devo parlare di ciò che ho subito al Sant’Uffizio, che è il cuore dell’omofobia della Chiesa cattolica, un’omofobia esasperata e paranoica. Dedico il mio coming out ai tantissimi sacerdoti omosessuali che non hanno la forza di uscire allo scoperto. Ci sono tantissimi gay anche in Vaticano. In ogni società di soli uomini ci sono più gay. Una coppia di lesbiche o di omosessuali deve poter dire alla propria Chiesa: noi ci amiamo secondo la nostra natura e questo bene del nostro amore lo offriamo agli altri. Non sono posizioni dell’attuale dottrina, ma sono presenti nella ricerca teologica”.

Durissima la reazione del Vaticano che tramite padre Federico Lombardi ha tacciato Monsignor Charamsa di “irresponsabilità” e ha reso noto che “non potrà continuare a svolgere i compiti precedenti presso la Congregazione” e a insegnare nelle università pontificie.